altmarius

cultură şi spiritualitate

Timgad, la grande città romana del nord Africa

Nel 1765 James Bruce scoprì nel deserto algerino le rovine di Timgad, una delle città romane più importanti della regione


https://www.storicang.it/a/timgad-grande-citta-romana-nord-africa_1...

Fino alla seconda metà del XVIII secolo le conoscenze sul passato romano dell’Algeria erano quasi inesistenti. Solo grazie all’Illuminismo e alla moda dei viaggi culturali da parte degli intellettuali europei venne portata alla luce la ricchezza della civiltà classica nel Maghreb.

Uno dei protagonisti di tale riscoperta fu James Bruce, nativo di Kinnaird, viaggiatore e scopritore scozzese che giunse in Algeria come console britannico nel marzo 1763, dopo aver trascorso sei mesi a studiare il mondo classico in Italia. Tra i suoi nuovi compiti figurava quello di esaminare le antiche rovine romane in Algeria, di cui avevano già dato notizia precedenti esploratori quali Thomas Shaw, e che erano incontaminate.

James Bruce nativo di Kinnaird. Ritratto di Pompeo Girolamo Batoni. 1762. National Gallery of Scotland, Edimburgo

James Bruce nativo di Kinnaird. Ritratto di Pompeo Girolamo Batoni. 1762. National Gallery of Scotland, Edimburgo

Foto: bridgeman / Aci

James Bruce si rese conto di non possedere gli strumenti necessari per il tipo di spedizione che sperava di portare a termine; scrisse quindi in Italia affinché gli mandassero una camera oscura e dei giovani esperti di architettura e disegno. Alla spedizione si unì perciò un apprendista disegnatore, il fiorentino Luigi Balugani, e nell’agosto 1765 i due partirono da Algeri alla volta di un territorio sconosciuto: la costa berbera, un insieme di regioni tradizionalmente popolate dagli amazigh (noti come berberi, termine che deriva da “barbari”). I viaggiatori ignoravano che lungo il percorso avrebbero scoperto alcuni dei gioielli archeologici più impressionanti dell’Africa settentrionale.

Una città misteriosa

«Una piccola città piena di edifici eleganti». Con tali parole James Bruce descrisse quanto osservò al suo arrivo a Timgad nella mattina del 12 dicembre 1765. Bruce e Balugani furono i primi europei a visitare quel luogo misterioso, situato ai confini settentrionali del massiccio montuoso dell’Aurès. Ma Bruce non sapeva che sotto i suoi piedi, sepolta dal tempo, giaceva una delle città romane più importanti del nord dell’Africa: l’antica Thamugadi, un magnifico esempio di urbanistica romana. L’aveva fondata l’imperatore Traiano nel 100 d.C. per accogliere i veterani della Legio III Augusta, i quali avrebbero così potuto controllare la frontiera con gli amazigh e il territorio della Numidia.

Per prima cosa Bruce e Balugani disegnarono i resti di un arco trionfale e passarono poi la notte nei dintorni del luogo. L’arco era una porta monumentale, dedicata a Traiano, che permetteva l’accesso alla città dalla sua parte occidentale.

Il teatro romano di Timgad osservato dal lato occidentale. Fotografia scattata nel 1893. Bibliothèque de l’Institut de France, Parigi

Il teatro romano di Timgad osservato dal lato occidentale. Fotografia scattata nel 1893. Bibliothèque de l’Institut de France, Parigi

Foto: Gérard Blot / RMN-Grand Palais

   

Il giorno dopo i due viaggiatori tornarono a Timgad per disegnare un tempio corinzio, e Bruce annotò sul suo diario: «L’arco si trova a nord-est (del tempio). Le rovine dell’anfiteatro, a nord-ovest. Tra le rovine dell’arco e quelle dell’anfiteatro abbiamo trovato un tempio di cui rimane un solo lato. Ne ho copiate due iscrizioni». Deciso a preservare il passato, Bruce riprodusse un busto di Faustina, la moglie dell’imperatore Antonino Pio, e seppellì il disegno nel luogo dove aveva trovato un’iscrizione e i resti di un elegante pavimento in marmo. Le sue annotazioni e i suoi disegni dimostrano come a quei tempi la città fosse quasi sepolta. Dopo aver visitato le rovine, i due proseguirono il proprio cammino attraverso le terre algerine. Al ritorno in Inghilterra nel 1774, Bruce presentò al re Giorgio III due dei tre volumi (uno lo tenne con sé perché incompleto) con i disegni di Timgad e delle altre rovine scoperte durante il viaggio. Tuttavia, i resti dell’abitato sarebbero presto caduti di nuovo nell’oblio. Fu necessario attendere più di un secolo perché nuove spedizioni ravvivassero l’interesse scientifico per la città di Timgad.

La riscoperta

Nel 1875 il console generale britannico d’Algeria, Robert Lambert Playfair, decise di seguire le orme di James Bruce. All’arrivo a Timgad si rese conto dell’importanza della città, di cui scoprì nuove vestigia. E così descrisse con dovizia di particolari come l’anfiteatro scoperto da Bruce fosse in realtà un teatro, e il vicino tempio, il foro. Nell’ultimo quarto del XIX secolo vennero rinvenute a Timgad numerose iscrizioni e sculture, e diversi europei si spinsero nelle terre algerine con l’obiettivo di raggiungere l’antica città.

Robert Lambert Playfair, console generale britannico d'Algeria

Robert Lambert Playfair, console generale britannico d'Algeria

Foto: The university of St. Andrews, Scotland / Bridgeman / Aci

Sebbene la Gran Bretagna potesse vantarsi di aver scoperto l’antica Thamugadi, la storia del sito archeologico ebbe una svolta inattesa per merito della Francia. Difatti, in seguito alla meticolosa e accurata descrizione delle rovine da parte del professore Émile Masqueray, il Service des Monuments Historiques parigino iniziò a interessarsi alle rovine di Timgad e decise di finanziare gli scavi di quanto ancora giaceva sotto le sabbie del deserto. Le operazioni iniziarono in modo sistematico nel 1881, e fino al 1960 hanno permesso di portare definitivamente alla luce quei segreti sepolti per secoli: la città era talmente ben conservata che ha ricevuto il nome di “Pompei dell’Africa”.

Un’oasi strategica

Nell’antichità Timgad divenne una sorta di oasi urbana nel bel mezzo di una zona arida, attraendo ben presto le comunità vicine. Il suo periodo di splendore risale agli anni compresi tra il 125 e il 225 d.C., quando ospitava una popolazione di più di quindicimila abitanti. Ai primi del novecento è stata persino scoperta una biblioteca monumentale che probabilmente accoglieva fino a tremila manoscritti.

Vista generale delle rovine della città romana di Timgad, in Algeria. Sullo sfondo è visibile l’arco monumentale eretto in omaggio all’imperatore Traiano

Vista generale delle rovine della città romana di Timgad, in Algeria. Sullo sfondo è visibile l’arco monumentale eretto in omaggio all’imperatore Traiano

Foto: Ivan Vdovin / Age Fotostock

Verso la fine del III secolo e durante il IV, la città continuò a svolgere un ruolo essenziale nella zona della frontiera meridionale dell’impero. L’archeologia ha confermato l’eterogeneità religiosa delle sue genti: sono state trovate testimonianze sia del tradizionale paganesimo romano sia della presenza di nuove sette cristiane, tra cui il donatismo. E in effetti a Timgad risiedeva il vescovo donatista Ottato, con cui si scontrò sant’Agostino a causa delle note divergenze teologiche.

La crisi generale delle frontiere romane, sopraggiunta alla fine del IV secolo, colse in pieno Timgad. Dopo il suo saccheggio a opera dei vandali nel V secolo la città andò in rovina, e in tale stato la trovarono i bizantini quando si addentrarono nella regione. Timgad tornò a popolarsi come centro cristiano, e tra il 539 e il 540 venne costruito un bastione difensivo fuori dalla città, ma un successivo saccheggio da parte degli amazigh finì per annientare per sempre la perla romana, poi ricoperta dalle sabbie del Sahara. Prima di tale eclissi, Timgad era stata ricca, gaudente e vivace. Ne dà testimonianza l’iscrizione che un suo abitante aveva inciso su una delle lastre del foro per i futuri visitatori: «Cacciare, andare alle terme, giocare, ridere. Questa sì che è vita!».

Vizualizări: 1

Adaugă un comentariu

Pentru a putea adăuga comentarii trebuie să fii membru al altmarius !

Alătură-te reţelei altmarius

STATISTICI

Free counters!
Din 15 iunie 2009

200 state 

(ultimul: Micronesia)

Numar de steaguri: 264

Record vizitatori:    8,782 (3.04.2011)

Record clickuri:

 16,676 (3.04.2011)

Steaguri lipsa: 42

1 stat are peste 660,000 clickuri (Romania)

1 stat are peste 100.000 clickuri (USA)

1 stat are peste 40,000 clickuri (Moldova)

2 state au peste 20,000  clickuri (Italia,  Germania)

1 stat are peste 10.000 clickuri (Franta)

6 state au peste 5.000 clickuri (Olanda, Belgia, Marea Britanie, Canada, UngariaSpania )

10 state au peste 1,000 clickuri (Polonia, Rusia,  Australia, IrlandaIsraelGreciaElvetia ,  Brazilia, Suedia, Austria)

50 state au peste 100 clickuri

16 state au un click

Website seo score
Powered by WebStatsDomain

DE URMĂRIT

1.EDITURA HOFFMAN

https://www.editurahoffman.ro/

2. EDITURA ISTROS

https://www.muzeulbrailei.ro/editura-istros/

3.EDITURA UNIVERSITATII CUZA - IASI

https://www.editura.uaic.ro/produse/editura/ultimele-aparitii/1

4. PRINTRE CARTI

http://www.printrecarti.ro/

5. ANTICARIAT ALBERT

http://anticariatalbert.com/

6. ANTICARIAT ODIN 

http://anticariat-odin.ro/

7. TARGUL CARTII

http://www.targulcartii.ro/

8. MAGAZINUL DE CARTE

http://www.magazinul-de-carte.ro/

9. ANTICARIAT PLUS

http://www.anticariatplus.ro/

10. CARTEA DE CITIT

http://www.carteadecitit.ro 11. ANTICARIAT ON-LINE
http://www.carti-online.com/

12. ANTICARIATUL DE NOAPTE

 http://www.anticariatuldenoapte.ro/

13. ANTICARIATUL NOU

http://www.anticariatulnou.ro

14. ANTICARIAT NOU

https://anticariatnou.wordpress.com/

15. ANTICARIAT ALEPH

https://www.anticariataleph.ro/

16. ANTIKVARIUM.RO

http://antikvarium.ro

17.ANTIKVARIUS.RO

https://www.antikvarius.ro/

18. ANTICARIAT LOGOS

http://www.anticariat-logos.ro/

19. ANTICARIAT.NET

http://www.anticariat.net/informatii-contact.php

20. TIMBREE

www.timbree.ro

21. FILATELIE

 http://www.romaniastamps.com/

22 MAX

http://romanianstampnews.blogspot.com

23. STAMPWORLD

http://www.stampworld.com

24. LIBMAG

https://www.libmag.ro/oferta-carti-polirom/?utm_source=facebook-ads-7-99-polirom&utm_medium=banner-facebook&utm_campaign=7-99-polirom-facebook&utm_content=new-3

25. DAFFI'S BOOKS

https://www.daffisbooks.ro 26. MAGIA MUNTELUI

http://magiamuntelui.blogspot.com

27. RAZVAN CODRESCU
http://razvan-codrescu.blogspot.ro/

28.RADIO ARHIVE

https://www.facebook.com/RadioArhive/

29.NATIONAL GEOGRAPHIC ROMANIA

https://www.natgeo.ro/revista

30. SA NU UITAM

http://sanuuitam.blogspot.ro/

31. MIRON MANEGA
http://www.certitudinea.o

Anunturi

Licenţa Creative Commons Această retea este pusă la dispoziţie sub Licenţa Atribuire-Necomercial-FărăModificări 3.0 România Creativ

Note

Hoffman - Jurnalul cărților esențiale

1. Radu Sorescu -  Petre Tutea. Viata si opera

2. Zaharia Stancu  - Jocul cu moartea

3. Mihail Sebastian - Orasul cu salcimi

4. Ioan Slavici - Inchisorile mele

5. Gib Mihaescu -  Donna Alba

6. Liviu Rebreanu - Ion

7. Cella Serghi - Pinza de paianjen

8. Zaharia Stancu -  Descult

9. Henriette Yvonne Stahl - Intre zi si noapte

10.Mihail Sebastian - De doua mii de ani

11. George Calinescu Cartea nuntii

12. Cella Serghi Pe firul de paianjen…

Continuare

Creat de altmariusclassic Dec 23, 2020 at 11:45am. Actualizat ultima dată de altmariusclassic Ian 24.

© 2021   Created by altmarius.   Oferit de

Embleme  |  Raportare eroare  |  Termeni de utilizare a serviciilor