altmarius

cultură şi spiritualitate

War and Peace: il canto e il pianto di Joyce DiDonato


Quindici arie barocche per parlare di guerra e di pace. Un video esclusivo per il nuovo concept album del mezzosoprano statunitense




 

di Valerio Cappelli


Pubblichiamo in esclusiva lo short film Lascia ch’io pianga, protagonista il mezzosoprano Joyce DiDonato. Oltre al video, il progetto War and Peace. Harmony Through Music prevede un disco pubblicato da Warner Classics - Erato e una tournée (prima data a Londra il 21 novembre). Guerra e pace: un concept album di musica barocca che la cantante statunitense, 47 anni, ci racconta.

Come ha selezionato le arie e quali rappresentano al meglio le speranze di pace e la disperazione della guerra?
«Questa musica vive da secoli e mentre sceglievo le arie del cd, mi colpiva il fatto che molte di esse toccassero le stesse tematiche che affrontiamo ai nostri giorni. So che la storia tende a ripetersi, ma pensavo “Cosa ci vorrà perché impariamo dagli errori del passato?”. Händel, Purcell e Jommelli ci indicavano la strada, mostrandoci la futilità e l’orrore della guerra esteriore (“Scene di orrore”) come dei conflitti interiori (“Pensieri”) e mi sono sentita quasi costretta a fare qualcosa. Alcune delle arie (Lascia ch’io pianga, Cara Speme) avevo sempre desiderato registrarle e mi hanno ispirato a seguire il tema “War and Peace”. Altre arie sono prime registrazioni mondiali (Leo, Jommelli) e mi hanno convinto per questo particolare progetto: credo abbiano portato una speciale carica di vitalità e sorpresa a questo album. Altre ancora (They tell us, Crystal Streams) sono nuove per me e mi hanno sedotto nell’ottica di questo disco. Mi sono follemente innamorata di Purcell, che alle mie orecchie suona incredibilmente fresco e moderno».

Perché la musica barocca si adatta così bene al tema Guerra e Pace?
«Il Barocco mostra i conflitti dell’animo umano e li illumina con particolare forza, anche il conflitto tra volontà di guerra e di pace. La forma col “da capo” di molti di questi brani consente per lunghezza e ampiezza di entrare in profondità nel viaggio interiore di questi personaggi sia che cerchino vendetta (Sesto) o combattano con i loro lati oscuri (Agrippina). Ma quello che credo questa musica riesca a fare meglio di qualsiasi altra è esprimere un completo senso di desiderio (Lascia ch’io pianga!). Credo che questo desiderio di pace e serenità sia qualcosa a cui molti di noi anelano in questo momento».

Il barocco è stato il primo “campo di battaglia” per introdurre il mondo degli affetti e dei sentimenti nella musica. Ma perché ha ristretto il campo, sul tema della guerra e della pace, ad arie barocche, dal momento che canta anche altri repertori?
«Dal punto di vista pratico l’ho fatto perché stavo realizzando il disco con Il Pomo d’oro, un’orchestra barocca, diretta da Maxim Emelyanychev e quindi la scelta del repertorio era ovvia. Ma personalmente è un genere che mi parla nel profondo e avrei potuto ricavare anche altri due o tre cd solo da questo particolare argomento! Sviluppare il viaggio psicologico di questi personaggi, ci dà il tempo di penetrarne i processi mentali, permettendoci forse di esaminare e comprendere meglio anche i nostri».

 Lei canta Jephta, «scene d’orrore, scene d’angoscia che sorgono dalle ombre e agli abissi riempiono la notte di nuovo sgomento»: cosa le fa pensare?
 «Descrive perfettamente e in modo bellissimo l’orrore, l’oscurità, la disperazione del clima di guerra, sia esteriore sia interiore… Ecco perché ho cominciato il disco con Händel, perché volevo iniziare nel buio totale e nell’oblio del conflitto per cercare di mostrare la (possibile) strada verso la pace. L’angolare, quasi violenta forma della musica questo lo coglie perfettamente».

È vero che il progetto del cd ha preso forma dopo la strage di Nizza? Dove era lei quella sera, cosa ricorda…
«Ero seduta al mio pianoforte a Kansas City e stavo lavorando al repertorio di questo album, che era nato in un’altra forma, ma una volta che quelle terribili notizie cominciarono ad arrivare, avevo bisogno della musica perché mi aiutasse a elaborare tutto quello che stava succedendo. Sul mio leggio c’erano anche altre arie (Cara SpemeDa tempeste il legno infranto, il lamento di Didone When I am laid in earth) e dritto davanti a me vidi sorgere il tema del disco: era “War and Peace”».

Vizualizări: 70

Adaugă un comentariu

Pentru a putea adăuga comentarii trebuie să fii membru al altmarius !

Alătură-te reţelei altmarius

STATISTICI

Free counters!
Din 15 iunie 2009

200 state 

(ultimul: Micronesia)

Numar de steaguri: 264

Record vizitatori:    8,782 (3.04.2011)

Record clickuri:

 16,676 (3.04.2011)

Steaguri lipsa: 42

1 stat are peste 660,000 clickuri (Romania)

1 stat are peste 100.000 clickuri (USA)

1 stat are peste 40,000 clickuri (Moldova)

2 state au peste 20,000  clickuri (Italia,  Germania)

1 stat are peste 10.000 clickuri (Franta)

6 state au peste 5.000 clickuri (Olanda, Belgia, Marea Britanie, Canada, UngariaSpania )

10 state au peste 1,000 clickuri (Polonia, Rusia,  Australia, IrlandaIsraelGreciaElvetia ,  Brazilia, Suedia, Austria)

50 state au peste 100 clickuri

24 state au un click

 

Website seo score
Powered by WebStatsDomain

DE URMĂRIT

1. ANTICARIAT ALBERT

http://anticariatalbert.com/

2. ANTICARIAT ODIN 

http://anticariat-odin.ro/

3. TARGUL CARTII

http://www.targulcartii.ro/

4. PRINTRE CARTI

http://www.printrecarti.ro/

5. MAGAZINUL DE CARTE

http://www.magazinul-de-carte.ro/

6 ANTICARIAT PLUS

http://www.anticariatplus.ro/

7. DEPOZITUL DE CARTI 

http://www.calinblaga.ro/

8. CARTEA DE CITIT

http://www.carteadecitit.ro/

9. ANTICARIAT ON-LINE
http://www.carti-online.com/

10. ANTICARIATUL DE NOAPTE

 http://www.anticariatuldenoapte.ro/

11. ANTICARIATUL NOU

http://www.anticariatulnou.ro

12. ANTICARIAT NOU

https://anticariatnou.wordpress.com/

13. ANTICARIAT ALEPH

https://www.anticariataleph.ro/

14. ANTIKVARIUM.RO

http://antikvarium.ro

15.ANTIKVARIUS.RO

https://www.antikvarius.ro/

16. ANTICARIAT LOGOS

http://www.anticariat-logos.ro/

17. ANTICARIAT.NET

http://www.anticariat.net/informatii-contact.php

18. TIMBREE

www.timbree.ro

19. FILATELIE

 http://www.romaniastamps.com/

20 MAX

http://romanianstampnews.blogspot.com

21. STAMPWORLD

http://www.stampworld.com

22. LIBMAG

https://www.libmag.ro/oferta-carti-polirom/?utm_source=facebook-ads-7-99-polirom&utm_medium=banner-facebook&utm_campaign=7-99-polirom-facebook&utm_content=new-3

23. DAFFI'S BOOKS

https://www.daffisbooks.ro/

24. MAGIA MUNTELUI

http://magiamuntelui.blogspot.com

25. RAZVAN CODRESCU
http://razvan-codrescu.blogspot.ro/

26.RADIO ARHIVE

https://www.facebook.com/RadioArhive/

27.EDITURA UNIVERSITATII CUZA - IASI

http://www.editura.uaic.ro/produse/colectii/documenta/1

28. EDITURA ISTROS

https://www.muzeulbrailei.ro/editura-istros/

29. EDITURA HOFFMAN

https://www.editurahoffman.ro/

30. SA NU UITAM

http://sanuuitam.blogspot.ro/

31. MIRON MANEGA
http://www.certitudinea.o

32. NATIONAL GEOGRAPHIC ROMANIA

https://www.natgeo.ro/revista

Anunturi

Licenţa Creative Commons Această retea este pusă la dispoziţie sub Licenţa Atribuire-Necomercial-FărăModificări 3.0 România Creativ

Note

Hoffman - Jurnalul cărților esențiale

1. Radu Sorescu -  Petre Tutea. Viata si opera

2. Zaharia Stancu  - Jocul cu moartea

3. Mihail Sebastian - Orasul cu salcimi

4. Ioan Slavici - Inchisorile mele

5. Gib Mihaescu -  Donna Alba

6. Liviu Rebreanu - Ion

7. Cella Serghi - Pinza de paianjen

8. Zaharia Stancu -  Descult

9. Henriette Yvonne Stahl - Intre zi si noapte

10.Mihail Sebastian - De doua mii de ani

11. George Calinescu Cartea nuntii

12. Cella Serghi Pe firul de paianjen…

Continuare

Creat de altmariusclassic Dec 23, 2020 at 11:45am. Actualizat ultima dată de altmariusclassic Ian 24.

© 2021   Created by altmarius.   Oferit de

Embleme  |  Raportare eroare  |  Termeni de utilizare a serviciilor