altmarius

cultură şi spiritualitate

Luciano Pavarotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Penso che una vita per la musica sia una vita spesa bene ed è a questo che mi sono dedicato.[2] »
(Luciano Pavarotti)

Luciano Pavarotti (Modena, 12 ottobre 1935Modena, 6 settembre 2007) è stato un tenore italiano.

È stato tra gli artisti italiani più apprezzati in tutto il mondo grazie alle straordinarie qualità vocali, ad un'eccellente gestione della propria immagine mediatica, e per l'impegno profuso in campo sociale. Insieme a Franco Corelli e Carlo Bergonzi ha rappresentato l'ultimo dei grandi cantanti italiani che hanno saputo conquistare il mondo. Con il Pavarotti & Friends e le sue numerose collaborazioni (fra le quali è da ricordare in particolare la costituzione del gruppo de Tre Tenori, con Plácido Domingo e José Carreras), ha consolidato una popolarità che, anche al di fuori dell'ambito musicale, lo ha condotto in tutto il mondohttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/09/17/big-luciano-piu-nel-mondo-che-in.html">[3].

Carriera

« Quando Pavarotti nacque, Dio gli baciò le corde vocali »
(Daniel Hicks, New York Times)
Matrimonio con Adua Veroni (1961)

Luciano era figlio di Fernando Pavarotti e Adele Venturi, dal cui matrimonio nacque anche la sua sorella minore, Gabriella. Il padre era fornaio nell'esercito, cantante amatoriale nella «Corale Gioachino Rossini»[4] di Modena e trasmise al figlio la passione per l'opera lirica, trovando nel giovane altrettanto interesse.

Il giovane Pavarotti decise di non intraprendere subito una carriera musicale vera e propria, evitando così il conservatorio di musica. Per un lungo periodo invece dedicò i suoi studi all'insegnamento, per diventare un maestro di educazione fisica ed insegnare in seguito alle scuole elementari per due anni, dopo essersi iscritto nell'istituto magistrale di Modena (la stessa scuola frequentata anche da Francesco Guccini).

Pur proseguendo la sua carriera nell'insegnamento, non aveva abbandonato gli studi di canto con il tenore Arrigo Pola (di cui manterrà canoni e principi nella sua futura carriera) e alla partenza di questi per il Giappone, tre anni dopo, proseguì la sua preparazione con il maestro Ettore Campogalliani, con il quale perfezionò la tecnica del fraseggio e della concentrazione. Per sua stessa ammissione, i due sono restati per sempre i suoi unici e onorati maestri.

Negli anni successivi, entrato a pieno regime nel mondo della lirica e sempre continuando i suoi studi canori, il giovane tenore ottenne un primo successo musicale in una delle sue esibizioni con il padre in Galles, nel corso del Festival di Llangollen dove si aggiudicò il primo premiohttp://www.lucianopavarotti.it/indexita.html#biografia">[5].

L'affermazione [modifica]

Nel 1961 ottiene il primo riconoscimento personale, nel Concorso Internazionale Achille Peri. La vittoria di questo concorso consentì al giovane Pavarotti di esibirsi davanti al grande pubblico, come il 29 aprile 1961 quando ottenne la sua consacrazione artistica salendo sul palcoscenico del Teatro Municipale di Reggio Emilia per interpretare il ruolo di Rodolfo ne La Bohème di Puccini, diretta da Francesco Molinari Pradellihttp://www.lucianopavarotti.it/indexita.html#biografia">[5].

Per ammissione dello stesso tenore, l'opera pucciniana è rimasta quella più rappresentativa del suo repertorio, tanto che Rodolfo sarebbe divenuto nel corso della sua carriera una sorta di suo alter-ego sul palco.

Tenace come Calaf, dolce come Nemorino

Artista completo e sapiente comunicatore (nel senso moderno del termine), e soprattutto personaggio comunque unico all'interno del mondo dello spettacolo, ambasciatore nel mondo del belcanto all'italiana, amante della buona tavola come Rossini e impegnato nella solidarietà (che solo in parte ha bilanciato la caduta di immagine dovuta ai suoi problemi con il fisco[6], Pavarotti è stato riconosciuto da molta parte della critica come uno fra i migliori cantanti nel registro di tenore del XX secolo, un secolo che pure ha dato numerosi grandi protagonisti al mondo dell'opera lirica, alcuni dei quali, suoi coetanei o quasi, sono ancora in attività. Questo riconoscimento gli è venuto non soltanto per la particolare estensione vocale e padronanza tecnica dello strumento voce, uniti ad una capacità di interpretazione in grado di porlo nella condizione di andare in profondità nella lettura dei personaggi che andava a interpretare sul palcoscenico e nei solchi delle incisioni discografiche, ma anche anche in virtù di quello che il suo collega José Carreras ha definito naturale carisma, di cui Pavarotti era evidentemente dotato.
Tenace come il Calaf che doma la pucciniana principessa Turandot ed esorta le stelle ad un tramonto senza indugio in vista di un'alba che lo vedrà vincitore, e capace al tempo stesso di una tenerezza degna dell'ingenuo ed affabile Nemorino donizettiano de L'elisir d'amore (Una furtiva lacrima è una delle sue arie d'opera più conosciute), Pavarotti - per tutti, il Maestro - è stato al contempo il testimone di un'epoca e di una professione, quella di cantante, per la quale - secondo le sue stesse parole - non è sufficiente il solo talento se esso non è supportato da un'adeguata e talvolta faticosa opera di studio[7].

La messa in scena de La Bohème fu riproposta in diverse città d'Italia ed ebbe addirittura alcune richieste all'estero; Pavarotti interpretava inoltre il ruolo del Duca di Mantova nel Rigoletto, a Carpi, a Brescia e al Teatro Massimo di Palermo, dove, sotto la direzione del maestro Tullio Serafin, ottenne un buon successo e consacrò la sua figura di tenore in tutta Italia.

I loggioni stranieri [modifica]

Pavarotti a fine anni sessanta

Consolidata ormai la sua fama in patria, il passo successivo fu l'avvicinamento all'estero; nonostante qualche richiesta nei primi anni sessanta, il tenore fuori d'Italia era ancora poco conosciuto e difficilmente riceveva menzioni da critici.

La svolta arrivò di nuovo con La Bohème, che gli permise di mostrarsi al pubblico Inglese. Pavarotti ebbe molte richieste per delle repliche dell'opera pucciniana alla Royal Opera House di Covent Garden, a Londra, prima dell'arrivo di Giuseppe Di Stefano, ma a causa di un'improvvisa malattia del tenore siciliano fu costretto a sostituirlo (era il 1963) nella parte di Rodolfo. Lo rimpiazzò in teatro e anche al Sunday Night at the Palladium, un noto spettacolo televisivo inglese seguito da più di 15 milioni di telespettatori, il mezzo perfetto per affermarsi sulla scena mondiale.

Le prime incisioni dell'artista vennero presentate da lì a poco, per la casa discografica Decca Records, poco prima che egli venisse avvicinato dal giovane direttore d'orchestra Richard Bonynge, il quale gli richiese di esibirsi a fianco alla moglie, Joan Sutherland.

Con questo soprano, nel 1965, mise piede per la prima volta negli Stati Uniti, a Miami, dove ricoprì il ruolo di Edgardo nella Lucia di Lammermoor di Donizetti sotto la direzione dello stesso Bonynge. La Sutherland lo accompagnò successivamente ne La sonnambula di Bellini alla Royal Opera House di Covent Garden e ne La traviata di Verdi.

La Scala [modifica]

Sempre del 1965 la sua interpretazione de L'elisir d'amore di Donizetti, e ancora nello stesso anno si ebbe il suo debutto al Teatro alla Scala di Milano, dove il tenore fu espressamente richiesto da Herbert von Karajan per la La Bohème di Puccini; visto il successo, l'anno seguente Pavarotti fu chiamato nuovamente per la Messa da Requiem in memoria di Arturo Toscanini.

Nel periodo 1965-1966 sono da ricordare le interpretazioni de I Capuleti e i Montecchi di Vincenzo Bellini sotto la direzione di Claudio Abbado e del Rigoletto di Verdi, diretto da Gianandrea Gavazzeni.

Dello stesso 1966 è l'esibizione alla Royal Opera House di Pavarotti e la Sutherland ne La Fille du régiment di Donizetti, opera che permetterà al tenore di trasformarsi in leggenda sei anni più tardi.

La conquista dell'America, l'affermazione mondiale, dai palchi ai parchi [modifica]

L'exploit arriva il 17 febbraio 1972, al Metropolitan Opera di New York http://www.repubblica.it/2007/08/sezioni/persone/pavarotti-ricoverato/pavarotti-newyork/pavarotti-newyork.html">[8], dove in occasione dell'esecuzione dell'opera sopracitata esegue nove do acutihttp://news.bbc.co.uk/2/hi/entertainment/5158416.stm">[9], difficilissimi da emettere a voce piena, in maniera sciolta e naturale nell'aria "Ah, mes amis". Riceve una standing ovation senza precedenti che lo chiama al sipario per ben 17 volte, un record finora imbattutohttp://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2007/09_Settembre/06/pavarotti_scheda_carriera.shtml">[10].

Il nome di Pavarotti divenne noto al grande pubblico grazie alle esecuzioni sempre più di frequente riprese dalla televisione, come nel ruolo di Rodolfo ripreso dal vivo al Metropolitan di New York nel marzo 1977, assieme ad un'altra italiana, Renata Scotto, che raccolse le percentuali di audience più alte del tempo per un'opera teletrasmessa. All'artista sono andati diversi Grammy Award e dischi di platino e d'oro.

Nel maggio del 1984, si esibisce nel prestigioso Royal Opera House di Londra, e di fronte a Lady Diana e al marito Carlo d'Inghilterra oltre al pubblico di 2000 persone, celebra con una grandiosa interpretazione il concerto di beneficenza nella capitale inglese, ottenendo 5 minuti ininterroti di applausi dal pubblico e quattro chiamate in scenahttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1984/05/22/pavarotti-un-trionfo.html">[11].

Pavarotti arriva nel giugno del 1986 ad esibirsi a Pechino, per un concerto attesissimo al teatro al Teatro delle Esposizioni. L'esibizione ottiene grande riscontro dal pubblico, che richiama il maestro in scena per un secondo spettacolo ripreso in diretta dalle tv cinesi, italiane ed americanehttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1986/06/26/pechino-con-pavarotti.html">[12]. Al primo spettacolo ne seguono altri nei giorni successivi (tra cui la Bohemehttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1986/07/05/su-raitre-in-diretta-pavarotti-da-pechino.html">[13]), tutti accolti e seguiti con grande entusiasmo dal pubblico orientalehttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1986/06/29/la-prima-della-boheme-appassiona-cinesi.html">[14]http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1986/07/01/pavarotti-conquista-la-cina.html">[15]. A partire dagli anni novanta, Pavarotti ha curato molto i concerti all'aperto, sfruttando stadi e parchi, che si sono rivelati dei buoni successi.

Nel luglio del 1991, davanti ad un pubblico record di 330.000 persone, Pavarotti si esibisce a Londra, ad Hyde Park, con spettatori ancora una volta Lady D e il marito Carlohttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1991/07/31/carlo-diana-fanno-pace-ascoltando-pavarotti.html">[16]. Lo spettacolo colpì incredibilmente l'opinione pubblica inglese grazie alla carica di Pavarotti e alla sua incredibile voce, spingendo un gruppo di duecento tra artisti e personalità illustri inglesi a chiedere di conferire al tenore il titolo di Lord http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1991/08/01/date-pavarotti-il-titolo-di-lord.html.">[17].

Nel dicembre del 1991, allo stadio Pacaembù di San Paolo in Brasile, oltre 50.000 spettatori paganti si radunarono per il concerto di Pavarotti, terminato con uno spettacolo pirotecnico http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1991/12/13/brasile-50mila-per-pavarotti.html">[18]. Nel giugno 1993, oltre 200.000 si radunarono per ascoltarlo nel concerto gratuito Central Park (New York) , mentre in milioni seguirono lo spettacolo in diretta televisivahttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1993/06/27/pavarotti-re-central-park.html">[19]. A settembre dello stesso anno, all'ombra della Torre Eiffel a Parigi, riunì oltre 70.000 persone per un concerto trasmesso anche in diretta tv da Canal Plushttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1993/09/03/pavarotti-strega-parigi.html">[20].

Nel luglio del 2001 l'artista modenese si esibisce per la seconda volta ad Hyde Park a Londra, davanti ad un pubblico di 70.000 personehttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2001/07/15/londra-70mila-per-pavarotti-al-concerto-di.html">[21]. Nel 2002, i dati di vendita delle produzioni di Pavarotti, indicavano oltre 65 milioni di copie vendute nei suoi oltre 30 anni di carrierahttp://archiviostorico.corriere.it/2002/agosto/06/Pavarotti_divento_gladiatore_co_0_0208067485.shtml">[22].

I Tre Tenori [modifica]

Il 7 luglio 1990, in occasione della finale del campionato del mondo di calcio svoltasi a Roma, i «Tre Tenori» Luciano Pavarotti, José Carreras e Placido Domingo tennero un concerto alle Terme di Caracalla, diretti dal maestro indiano Zubin Mehtahttp://archiviostorico.corriere.it/1993/agosto/08/Pavarotti_ancora_con_Domingo_Carreras_co_0_9308088412.shtml">[23]. L'orchestra di 180 elementi era un ensemble di professori provenienti dalle orchestre del Teatro dell'Opera di Roma e dell'orchestra del «Maggio Fiorentino». Il successo si preannunciava clamoroso: furono richiesti per l'evento più di 200.000 biglietti sebbene le Terme di Caracalla avessero una capienza di circa 6.000 posti. I «Tre Tenori» cantarono in modo magistrale arie liriche tratte da opere famose, ma anche brani provenienti dal repertorio musicale di tutto il mondo (Cielito lindo, Oci Ciornie, La vie en rose, Memory, Amapola, Torna a Surriento, 'O sole mio, Core 'ngrato).

Dopo tale evento i tre grandi artisti hanno cantato ancora insieme in numerose altre occasioni; tra le più importanti si ricordano i concerti del 17 luglio 1994 a Los Angeles (finale del campionato mondiale di calcio USA '94http://archiviostorico.corriere.it/1993/agosto/08/Pavarotti_ancora_con_Domingo_Carreras_co_0_9308088412.shtml">[23]http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1994/09/21/carreras-domingo-pavarotti-fanno-il-bis.html">[24]. Durante tale esibizione, poiché fra gli spettatori vi erano Frank Sinatra e Gene Kelly, i tre tenori dedicarono loro My Way e Singin' in the rain.

Nel 1998 si esibirono a Parigi in occasione della finale dei Mondiali di Franciahttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1998/01/07/mondiali-di-calcio-tre-tenori-parigi.html">[25] e nel 2002 a Yokohama sempre per la finale dei campionati mondiali di calcio, questa volta in Giappone e Coreahttp://www.ansa.it/opencms/export/site/notizie/rubriche/inlavorazione/visualizza_new.html_101032480.html">[26].

Le ultime esibizioni [modifica]

L'ultima esibizione in assoluto del tenore, durante la cerimonia di apertura dei XX Giochi Olimpici Invernali a Torino, il 10 febbraio 2006.

Nel 2004, in occasione dell'addio ufficiale all'operahttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2004/03/15/pavarotti-la-mia-ultima-tosca-da-oggi.html">[27], al Metropolitan Opera House dove recitava la «Tosca» ha ricevuto un'ovazione dai 4.000 spettatori di 35 secondi quando è apparso sul palco poco dopo l' inizio del primo attohttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2004/03/15/un-ovazione-al-metropolitan.html">[28]http://tv.repubblica.it/home_page.php?playmode=player&cont_id=12379">[29].

Nello stesso anno ha tenuto un concerto all'Arena di Pola in Croazia, dove due anni prima aveva anche cantato con Placido Domingo e José Carreras.

A febbraio del 2006 ha cantato durante la cerimonia di inaugurazione dei XX Giochi olimpici invernali, ultima esibizione dal vivo del Maestrohttp://www.lucianopavarotti.com/indexita.html#biografia">[30], e nel luglio dello stesso anno è stato operato d'urgenza in un ospedale di New York per l'asportazione di un tumore maligno al pancreashttp://archiviostorico.corriere.it/2006/luglio/08/Dramma_Pavarotti_operato_per_tumore_co_9_060708028.shtml">[31].

Pavarotti & Friends e l'impegno nel sociale [modifica]

Dal 1992 al 2003 ha tenuto a Modena dei concerti a cadenza quasi annuale a scopo benefico. Chiamati Pavarotti & Friends, riunivano sul palco i più famosi artisti della scena musicale pop italiana ed internazionale chiamati a duetti con il tenorehttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1998/03/22/eros-daniele-per-il-gala-di-pavarotti.html">[32]http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1998/05/20/pavarotti-cantero-con-le-spice-girls.html">[33]. Lo scopo dell'iniziativa era quello di raccogliere fondi per sostenere iniziative di sostegno e sviluppo nelle zone povere del mondo, soprattutto in favore dei bambinihttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2001/03/29/pavarotti-con-miliardi-una-scuola-in-guatemala.html">[34].

Nelle varie edizioni si sono succeduti oltre 100 artisti a duettare con il maestro, e tra i più importanti sicuramente Eric Clapton, Laura Pausini, Elisa, Sting, Zucchero, Renato Zero, Lucio Dalla, Bob Geldof, Andrea Bocelli, Bono Vox e The Edge, Liza Minnelli, Céline Dion e Jon Bon Jovi.

Nel 1986, con un concerto tutto esaurito a Torino, raccolse oltre mezzo miliardo di lire devoluti interamente alla lotta contro il cancro http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1986/05/11/pavarotti-contro-il-cancro.html">[35].

Nel dicembre 1995, insieme al direttore d'orchestra Riccardo Muti, ha tenuto un concerto a Forli per raccogliere fondi in favore di una comunità di recupero per tossicodipendentihttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1995/11/24/riccardo-muti-pavarotti-insieme-per-un-concerto.html">[36].

Vita privata [modifica]

« Nella vita ho avuto tutto, davvero tutto. Se mi venisse tolto tutto con Dio siamo pari e patta.http://www.corriere.it/Primo_Piano/Spettacoli/2006/08_Agosto/15/mo.shtml">[37] »
(Luciano Pavarotti)

Pavarotti si sposò nel 1961 con Adua Veroni, sua fidanzata da 8 anni e conosciuta a 17 anni. Dall'unione con la moglie nascono tre figlie: Lorenza, Cristina e Giuliana.http://quotidianonet.ilsole24ore.com/2007/09/07/34682-rigoletto_galeotto_adua_veroni.shtml">[38] Nel 1993 iniziarono i rumors (specie sui media americani) circa una possibile relazione extraconiugale del maestrohttp://archiviostorico.corriere.it/1993/settembre/29/anche_fiamma_trionfo_Pavarotti_co_0_93092912641.shtml">[39], che però smentì tutto asserendo che il rapporto con la giovane modella italiana Lucia Debrilli si limitasse all'amiciziahttp://archiviostorico.corriere.it/1993/settembre/26/Luciano_Pavarotti_amante_magari_co_0_93092612033.shtml">[40]http://archiviostorico.corriere.it/1993/novembre/21/Pavarotti_non_amanti_fuori_mia_co_0_93112111025.shtml">[41].

Nel 1994 cominciano le indiscrezioni circa una sua relazione con la giovane segretaria, studentessa di Scienze Naturalihttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1997/03/21/si-laurea-la-compagna-di-luciano-pavarotti.html">[42], Nicoletta Mantovani, di 34 anni più giovane di luihttp://archiviostorico.corriere.it/1994/settembre/02/nuova_fiamma_per_Pavarotti_co_0_94090211824.shtml">[43]. La Mantovani diventa una vera e propria organizzatrice di molti eventi a lui collegati, a cominciare dal Pavarotti & Friends. La storia d'amore fra Pavarotti e la Mantovani fa scoppiare un vero e proprio scandalo, che culmina con un divorzio miliardario di Pavarotti dalla prima moglie e madre delle sue figlie, Adua Veronihttp://archiviostorico.corriere.it/2000/agosto/31/moglie_attacca_Luciano_Pavarotti_lui_co_0_0008316278.shtml">[44].

Nel 2000, a Pavarotti venne contestata dal fisco italiano un'evasione fiscale, visto che il tenore aveva eletto domicilio a Monaco. Colpevole di evasione fiscale per una cifra superiore ai 40 miliardi di lire, il 27 luglio 2000 nelle stanze del ministero delle Finanze all'Eur, il tenore decise di saldare il debito con il fisco versando 24 miliardi di lire in rate da 500 milionihttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2000/07/27/pavarotti-fa-pace-con-il-fisco-rimborsa.html">[45]. Sulla soluzione del patteggiamento commenterà il Ministro delle Finanze dell'epoca, Ottaviano Del Turco: "Ho chiesto all'amministrazione di avviare il dialogo con Pavarotti per chiudere questa vicenda quando mi sono reso conto che la persona era in buona fede e cercava di uscire fuori da una situazione nella quale lui stesso aveva dichiarato di non sentirsi a suo agio. Pavarotti ora ha sanato questa situazione e io credo che questo mostri anche la duttilità dell'amministrazione fiscale"[46]. Risolto il contenzioso con la magistratura tributaria, restò in piedi il processo penale che cominciò a Modena nel settembre 2001. Il 19 ottobre 2001 il giudice di Modena Carla Ponterio assolse Pavarotti perché il fatto non era più previsto dalla legge come reatohttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2001/10/20/pavarotti-assolto-non-ha-evaso-le-tasse.html">[47].

Nel gennaio del 2002 perde la madre Adelehttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2002/01/13/luciano-pavarotti-re-di-londra-dedico-mamma.html">[48] e nel maggio del 2002, a pochi giorni dall'edizione del Pavarotti & Friends, perde il padre Fernandohttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2002/05/27/pavarotti-alle-prove-con-le-lacrime.html">[49]. Tra le numerose amicizie di Luciano Pavarotti, la Principessa Diana del Galles, moglie del principe Carlo del Galles, erede al Trono d'Inghilterra, con cui condusse una raccolta di fondi per la messa al bando delle mine antiuomo. Invitato a cantare in occasione della cerimonia funebre della principessa, egli declinò l'invito ad esibirsi e partecipò in veste di semplice amico della principessa, dal momento che riteneva che non avrebbe avuto la possibilità di cantare appropriatamente «col dolore in gola».

Il 13 gennaio 2003 la compagna di Pavarotti, Nicoletta Mantovani, dà alla luce Alice Pavarotti, sopravvissuta ad un parto gemellare in cui invece muore il figlio Riccardohttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2003/01/15/pavarotti-diventa-papa-di-alice-ma-il.html">[50] lasciando il tenore nello sconfortohttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2003/01/15/sono-un-uomo-sfortunato-uno-dei-miei.html">[51]. Il 13 dicembre 2003 Pavarotti sposa Nicoletta Mantovani con una sontuosa cerimonia nel teatro Comunale di Modena alla presenza di Bono, Zucchero, Ligabue e molti altri artistihttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/09/07/ho-avuto-tutto-pari-patta-con-dio.html">[52].

La morte e i funerali [modifica]

Nel 2007 si stabilì nella sua villa di Modena, nel tentativo di condurre a buon fine la sua lotta personale contro il cancro. Una delle sue figlie rilasciò un'intervista a un settimanale affermando che il padre si stava ormai preparando all'ineluttabile decorso della malattia, (intervista successivamente smentitahttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/07/04/mio-padre-sa-che-morira-presto-poi.html">[53]) peggiorata nell'agosto 2007, per la quale era stato anche ricoverato in ospedalehttp://archiviostorico.corriere.it/2006/agosto/15/mia_vita_felice_cancro_con_co_9_060815099.shtml">[54]. Nel suo buen retiro emiliano Pavarotti ha continuato quasi fino all'ultimo a tenere lezioni di canto con alcuni allievi, riceveva amici e parentihttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/10/25/pavarotti-gli-ultimi-giorni-del-maestro-stato.html">[55], anche se costretto su di una carrozzina, e visibilmente dimagrito. Seppur sofferente, apparve per l'ultima volta in televisione il 16 gennaio 2007 a "Porta a porta" in una puntata dedicata ad Arturo Toscanini nel cinquantenario della scomparsa dell'artista italiano.[56]

Pavarotti si spense serenamente il 6 settembre 2007, alle cinque del mattino, all'età di quasi settantadue anni (che avrebbe compiuto il mese dopo)http://archiviostorico.corriere.it/2007/settembre/07/ultimo_applauso_del_mondo_Luciano_co_9_070907132.shtml">[57]. Al suo capezzale erano presenti la moglie, le figlie e la sorella. Il cordoglio viene espresso dai giornali quotidianihttp://archiviostorico.corriere.it/2007/settembre/06/Dalla_Bbc_alla_Cnn_notizia_co_9_070906008.shtml">[58] e dalle istituzioni di tutto il mondohttp://archiviostorico.corriere.it/2007/settembre/07/mondo_piange_italiano_piu_famoso_co_9_070907028.shtml">[59]http://www.rainews24.it/it/news_print.php?newsid=73515">[60].

Ai funerali, celebrati nel Duomo di Modena dall'Arcivescovo Metropolita Mons. Benito Cocchi, erano presenti 50.000 persone, membri di istituzioni nazionali e internazionali ed artisti tra cui Bono, Zucchero, Gianni Morandi e Jovanotti http://archiviostorico.corriere.it/2007/settembre/09/Commosso_abbraccio_del_pop_pochi_co_9_070909153.shtml">[61]. Poco prima dell'inizio della cerimonia religiosa il soprano Raina Kabaivanska (autrice negli anni di grandi duetti con il maestrohttp://archiviostorico.corriere.it/1994/maggio/17/Raina_Pavarotti_coppia_del_secolo_co_0_9405175901.shtml">[62]) ha intonato l'Ave Maria di Verdi. Al momento della distribuzione della Comunione, Andrea Bocelli ha cantato l'Ave Verum Corpus di Mozarthttp://archiviostorico.corriere.it/2007/settembre/09/Commosso_abbraccio_del_pop_pochi_co_9_070909153.shtml">[63]. Viene poi diffuso il canto del Panis Angelicus di Cesar Frank, che Luciano Pavarotti con il padre Fernando intonarono la Notte di Natale del 1986 in un Duomo gremito di fedeli, durante la solenne celebrazione della Natività officiata dall'allora Arcivescovo Mons. Bartolomeo Santo Quadrihttp://archiviostorico.corriere.it/2007/settembre/09/intera_citta_lacrime_addio_Pavarotti_co_9_070909152.shtml">[64].

Prima del rito di commiato, Romano Prodi, all'epoca Presidente del Consiglio, tiene l'orazione funebre. Il giorno precedente aveva reso omaggio al feretro e colloquiato con i familiari il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitanohttp://www.tgcom.mediaset.it/spettacolo/articoli/articolo378386.shtml">[65]. All'uscita della salma, gli rendono omaggio le Frecce Tricolori dipingendo il Tricolore italiano nel cielo di Modenahttp://archiviostorico.corriere.it/2007/settembre/09/intera_citta_lacrime_addio_Pavarotti_co_9_070909152.shtml">[66].

Per sua espressa volontà, è stato sepolto nel piccolo cimitero di Montale Rangone, accanto ai genitori e al piccolo figlio Riccardohttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2003/01/17/pavarotti-addio-al-gemello-che-non.html">[67]http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/09/09/ultimo-applauso-pavarotti-la-piazza-lo.html">[68].

L'eredità [modifica]

Si ipotizzò che il patrimonio lasciato da Pavarotti agli eredi si aggirasse sui 200 milioni di euro, cifra mai confermata. Il tenore redasse diversi testamenti, al vaglio per stabilire l'entità reale dell'eredità ed i beneficiari ma anche causa di vertenze e polemiche:

Dopo la morte di Pavarotti scoppiarono continue polemiche e ipotesi sulla sua eredità; un'amica del tenore accusò la seconda moglie Nicoletta Mantovani di averlo raggirato a fini ereditari, di avergli impedito i contatti con i vecchi amici e con le figlie, di aver ricevuto questa disperata confessione da Pavarotti stesso, che le avrebbe chiesto di parlare solo dopo i suoi funeralihttp://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200709articoli/25650girata.asp">[73].

A queste affermazioni, la Mantovani rispose con una querela ed una richiesta di risarcimento di 30 milioni di eurohttp://archiviostorico.corriere.it/2007/novembre/26/vedova_Pavarotti_chiede_milioni_per_co_9_071126096.shtml">[74]. Nell'aprile del 2008, evitando così una lunga battaglia legale, le parti in causa (la Mantovani e due amiche del tenore) raggiunsero un accordo per ritirare la denuncia, che non portò ad alcun risarcimento danni, ma solo ad un chiarimento frutto di alcune lettere chiarificatricihttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2008/04/21/pavarotti-pace-fatta-tra-nicoletta-le-amiche.html">[75].

L'inchiesta contro ignoti della Procura di Pesaro per circonvenzione d'incapace fu archiviata nel dicembre 2008http://archiviostorico.corriere.it/2008/dicembre/23/Eredita_Pavarotti_archivi_inchiesta__co_8_081223030.shtml">[76]. Nicoletta Mantovani rispose pubblicamente solo una volta, il 27 ottobre 2007, nella trasmissione Che tempo che fa di Fabio Fazio, in cui confessò anche di essere da tredici anni malata di sclerosi multiplahttp://archiviostorico.corriere.it/2007/ottobre/24/Nicoletta_cura_per_sclerosi_multipla_co_9_071024009.shtml">[77]http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/10/28/pavarotti-nicoletta-si-sfoga-in-tv-basta.html">[78].

Nel luglio 2008, Nicoletta Mantovani e le tre figlie del tenore frutto del matrimonio con la prima moglie, hanno raggiunto un accordo per la suddivisione di alcuni immobili interessati dalla questione dei testamentihttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2008/07/01/pavarotti-pace-fatta-in-famiglia.html">[79].

Celebrazioni e riconoscimenti [modifica]

Nel 1990, in occassione di una serie di concerti a Covent Garden (Londra), viene inaugurata la statua di cera del tenore italiano (primo interprete d'opera a ricevere l'onore) al museo di Madame Tussaudshttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1990/03/09/statua-di-cera-per-pavarotti.html">[80]. Nel 1992 il ministro francese della cultura gli ha conferito la Legion d'Onore http://archiviostorico.corriere.it/1992/aprile/22/NOINDC_co_0_9204229763.shtml">[81].

Il 19 giugno 1994 il Comune di Portomaggiore gli conferì la Cittadinanza onoraria in occasione della sua visita nella cittadina emiliana per l'inaugurazione di un busto a Mafalda Favero, soprano portuense che il Maestro ebbe modo di conoscere agli inizi della sua carriera[82]. Nel 1998 è stato nominato Messaggero di pace dalle Nazioni Unitehttp://www.lucianopavarotti.com/indexita.html#biografia">[30]http://archiviostorico.corriere.it/1998/marzo/05/Pavarotti_per_Onu_messaggero_pace_co_0_98030511378.shtml">[83].

Nel 1999 al tenorissimo è stato dedicato un asteroide, il 5203 Pavarotti[84]http://archiviostorico.corriere.it/1999/agosto/06/Caccia_sole_nero_co_10_9908068732.shtml">[85]. Nel maggio 2001, l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati conferisce a Luciano Pavarotti il Premio Nansen, per la sua opera di sostegno dei rifugiati del Pakistanhttp://www.unhcr.it/news/dir/26/view/472/al-maestro-pavarotti-ledizione-2001-del-premio-nansen-47200.html">[86]. Primo italiano a vincere il premio in vita, Pavarotti è stato definito dal UNHCR il privato cittadino che maggiormente ha contribuito a raccogliere fondi per l'agenziahttp://www.unhcr.it/news/dir/26/view/472/al-maestro-pavarotti-ledizione-2001-del-premio-nansen-47200.html">[86].

L'8 febbraio 2006 riceve la Cittadinanza onoraria di Sarajevo, per l'impegno profuso dall'artista in favore dei bambini bosniacihttp://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2006/02/22/sarajevo-premia-luciano-pavarotti.html">[87]. Nel dicembre 2006 gli viene conferito il Premio Puccini, alla sua 36ª edizionehttp://www.comitatopuccini.it/mcms/docs/LA%20NAZIONE_XXXVI%20Premio%20Puccini.pdf">[88], e nello stesso mese riceve a Bergamo, nell'ambito del Bergamo Music Festival il Premio Donizettihttp://www.ecodibergamo.it/stories/Cultura%20e%20Spettacoli/01_pavarotti/">[89]http://archiviostorico.corriere.it/2006/dicembre/06/Premio_Donizetti_Luciano_Pavarotti_co_7_061206048.shtml">[90].

Il 4 settembre 2007 gli è stato conferito dal ministero dei Beni Culturali il Premio per l'eccellenza nella cultura, alla prima assegnazi

Vizualizări: 131

Adaugă un comentariu

Pentru a putea adăuga comentarii trebuie să fii membru al altmarius !

Alătură-te reţelei altmarius

STATISTICI

Free counters!
Din 15 iunie 2009

200 state 

(ultimul: Micronesia)

Numar de steaguri: 264

Record vizitatori:    8,782 (3.04.2011)

Record clickuri:

 16,676 (3.04.2011)

Steaguri lipsa: 42

1 stat are peste 660,000 clickuri (Romania)

1 stat are peste 100.000 clickuri (USA)

1 stat are peste 40,000 clickuri (Moldova)

2 state au peste 20,000  clickuri (Italia,  Germania)

1 stat are peste 10.000 clickuri (Franta)

6 state au peste 5.000 clickuri (Olanda, Belgia, Marea Britanie, Canada, UngariaSpania )

10 state au peste 1,000 clickuri (Polonia, Rusia,  Australia, IrlandaIsraelGreciaElvetia ,  Brazilia, Suedia, Austria)

50 state au peste 100 clickuri

24 state au un click

 

Website seo score
Powered by WebStatsDomain

DE URMĂRIT

1. ANTICARIAT ALBERT

http://anticariatalbert.com/

2. ANTICARIAT ODIN 

http://anticariat-odin.ro/

3. TARGUL CARTII

http://www.targulcartii.ro/

4. PRINTRE CARTI

http://www.printrecarti.ro/

5. MAGAZINUL DE CARTE

http://www.magazinul-de-carte.ro/

6 ANTICARIAT PLUS

http://www.anticariatplus.ro/

7. DEPOZITUL DE CARTI 

http://www.calinblaga.ro/

8. CARTEA DE CITIT

http://www.carteadecitit.ro/

9. ANTICARIAT ON-LINE
http://www.carti-online.com/

10. ANTICARIATUL DE NOAPTE

 http://www.anticariatuldenoapte.ro/

11. ANTICARIATUL NOU

http://www.anticariatulnou.ro

12. ANTICARIAT NOU

https://anticariatnou.wordpress.com/

13. ANTICARIAT ALEPH

https://www.anticariataleph.ro/

14. ANTIKVARIUM.RO

http://antikvarium.ro

15.ANTIKVARIUS.RO

https://www.antikvarius.ro/

16. ANTICARIAT LOGOS

http://www.anticariat-logos.ro/

17. ANTICARIAT.NET

http://www.anticariat.net/informatii-contact.php

18. TIMBREE

www.timbree.ro

19. FILATELIE

 http://www.romaniastamps.com/

20 MAX

http://romanianstampnews.blogspot.com

21. STAMPWORLD

http://www.stampworld.com

22. LIBMAG

https://www.libmag.ro/oferta-carti-polirom/?utm_source=facebook-ads-7-99-polirom&utm_medium=banner-facebook&utm_campaign=7-99-polirom-facebook&utm_content=new-3

23. DAFFI'S BOOKS

https://www.daffisbooks.ro/

24. MAGIA MUNTELUI

http://magiamuntelui.blogspot.com

25. RAZVAN CODRESCU
http://razvan-codrescu.blogspot.ro/

26.RADIO ARHIVE

https://www.facebook.com/RadioArhive/

27.EDITURA UNIVERSITATII CUZA - IASI

http://www.editura.uaic.ro/produse/colectii/documenta/1

28. EDITURA ISTROS

https://www.muzeulbrailei.ro/editura-istros/

29. EDITURA HOFFMAN

https://www.editurahoffman.ro/

30. SA NU UITAM

http://sanuuitam.blogspot.ro/

31. MIRON MANEGA
http://www.certitudinea.o

32. NATIONAL GEOGRAPHIC ROMANIA

https://www.natgeo.ro/revista

Anunturi

Licenţa Creative Commons Această retea este pusă la dispoziţie sub Licenţa Atribuire-Necomercial-FărăModificări 3.0 România Creativ

Note

Hoffman - Jurnalul cărților esențiale

1. Radu Sorescu -  Petre Tutea. Viata si opera

2. Zaharia Stancu  - Jocul cu moartea

3. Mihail Sebastian - Orasul cu salcimi

4. Ioan Slavici - Inchisorile mele

5. Gib Mihaescu -  Donna Alba

6. Liviu Rebreanu - Ion

7. Cella Serghi - Pinza de paianjen

8. Zaharia Stancu -  Descult

9. Henriette Yvonne Stahl - Intre zi si noapte

10.Mihail Sebastian - De doua mii de ani

11. George Calinescu Cartea nuntii

12. Cella Serghi Pe firul de paianjen…

Continuare

Creat de altmariusclassic Dec 23, 2020 at 11:45am. Actualizat ultima dată de altmariusclassic Ian 24.

© 2021   Created by altmarius.   Oferit de

Embleme  |  Raportare eroare  |  Termeni de utilizare a serviciilor