altmarius

cultură şi spiritualitate

La scuola degli scribi: l’istruzione nell’antico Egitto

«Sii un artista della parola, sicché tu sia potente. La lingua è la spada dell’uomo», insegnamento per Merikara, X dinastia


 https://www.storicang.it/a/scuola-degli-scribi-listruzione-nellanti...

 

In una società così capillarmente burocratizzata come l’antico Egitto, con funzionari in ogni dove che controllavano l’operato dei sottoposti, l’alfabetizzazione doveva essere certamente molto diffusa. Il faraone in primis sapeva leggere e scrivere e questo, nel mondo antico, non era scontato. Allora come oggi i genitori cercavano di invogliare i figli ad andare a scuola facendogli capire che, studiando, avrebbero potuto ambire alle professioni migliori. In un testo letterario chiamato La satira dei mestieri si legge di un padre che, accompagnando il figlio a scuola, passa in rassegna una serie di professioni. Di tutte trova sempre il lato tragicomico, e alla fine l’unica che elogia è quella dello scriba concludendo che non esiste al mondo professione migliore. Secondo la mentalità egizia, studiando si poteva ambire ad arrivare fino ai piedi del faraone. Certo, per farlo ci volevano i mezzi e non tutti li possedevano ma, almeno in linea teorica, ciò era possibile. Le classi sociali egizie infatti non si fondavano sulla condizione di nascita, ma sul lavoro e sulla carriera intrapresi.

Quattro scribi che scrivono su tavolette. XVII dinastia, Nuovo regno

Quattro scribi che scrivono su tavolette. XVII dinastia, Nuovo regno

Foto: Spl/Age Fotostock

La scuola e la carriera

Le scuole si trovavano nelle vicinanze del palazzo del re e presso i templi nelle cosiddette “Case della Vita”, istituzioni preposte all’istruzione dei giovani scribi con tanto di grandi biblioteche. Il percorso scolastico iniziava tra i cinque e i sei anni, ne durava una decina e alla fine si otteneva l’ambitissimo titolo di “scriba”. Pur essendo il gradino più basso dell’amministrazione era un titolo necessario per poter fare carriera in qualsiasi ramo dell’amministrazione statale. L’alternativa alla scuola era l’istruzione a casa con precettori privati, come è testimoniato da una stele della XII dinastia dove è menzionato, accanto ai nomi di tutta la famiglia, anche quello di un “maestro di scrittura”, forse un tutore privato. Nella maggioranza dei casi è probabile che le ragazze adottassero questo tipo di istruzione, anche se siamo a conoscenza di parecchie nobildonne e principesse che frequentarono la scuola presso il tempio o il palazzo del re. Conosciamo pure il nome di molte donne scriba, come la principessa Idut dell’Antico regno, la quale si fece rappresentare nella sua tomba di Saqqara su una barca di papiro provvista di tutto il materiale del mestiere: paletta per l’inchiostro nero e rosso e sottili giunchi per scrivere. Frequentare la scuola del palazzo reale voleva dire entrare in contatto con l’élite del Paese e con i figli del faraone e questo dava la possibilità di fare carriera. Questa scuola era frequentata anche dai figli di sovrani stranieri vassalli dell’Egitto che, prelevati forzatamente dai loro Paesi d’origine, venivano istruiti e indottrinati in tali istituzioni. Si sperava che, una volta riportati in patria, questi giovani principi così “egittizzati” provassero un senso di fedeltà incondizionata verso il faraone.

Libro dei morti di Maiherperi da tebe, arte egizia del Nuovo regno

Libro dei morti di Maiherperi da tebe, arte egizia del Nuovo regno

Foto: Scala,Firenze

Esercizi scolastici

Gli studenti andavano a scuola tutte le mattine da soli o accompagnati dai genitori e si portavano la merenda da casa, un po’ di pane e una brocca di birra (ovviamente a bassa gradazione alcolica). Una volta arrivati si sedevano a terra in una stanza o in un cortile colonnato e aspettavano il maestro. Che facessero anche l’appello? Sembrerebbe proprio di sì. I giovani allievi dovevano imparare due grafie: il geroglifico e lo ieratico (geroglifico corsivo), una miriade di segni e di regole da imprimere nella mente. Per prima cosa iniziavano a scrivere parole intere, non segni isolati come si fa ora per imparare i geroglifici. Dopodiché passavano a scrivere frasi compiute sotto dettatura o ricopiandole direttamente da papiri.

Paletta in legno usata dagli scribi, con due buchi

Paletta in legno usata dagli scribi, con due buchi

Foto: Age fotostock

I testi letterari utilizzati dal maestro erano scelti con cura e venivano riuniti in antologie chiamate dagli studiosi “Miscellanee scolastiche”. Queste raccolte contengono brani di vario genere: esempi di lettere, insegnamenti morali, storie edificanti, inni al faraone e agli dèi. Pezzi selezionati con cura che svolgevano una duplice funzione: oltre a essere un utile esercizio per imparare a scrivere, inculcavano nella mente dei giovani scribi i principi fondamentali su cui si basava la loro società. Nel Nuovo regno, una volta acquisita la padronanza della lingua madre, i giovani venivano introdotti all’alfabeto cuneiforme dell’accadico, lingua franca per la diplomazia di allora. Anche la geografia, la cartografia, le mappe catastali, la matematica e la geometria erano considerate fondamentali per la formazione dei futuri funzionari. Per scrivere i ragazzi non usavano il papiro, troppo caro, ma gli ostraka (singolare ostrakon) parola greca che vuol dire “coccio”: sottili frammenti calcarei o pezzi di vasi sulla cui superficie si poteva scrivere. Questi ostraka scolastici, redatti dagli studenti con grafie talora precise, altre volte incerte, sono pieni di correzioni o integrazioni fatte dai maestri. Tali “quaderni” scolastici sono una miniera inesauribile di informazioni sull’antica letteratura egizia che, di solito, era scritta su papiro, supporto ben più fragile. Grazie a questi, gli studiosi sono riusciti a recuperare testi antichi sconosciuti, a volte unendo insieme come in un puzzle vari ostraka; altre volte se ne sono serviti per integrare lacune in testi letterari già conosciuti. L’egittologo Sergio Donadoni scrisse: « La letteratura egizia è un deserto su cui si ergono rovine»; beh grazie a questi scolari e ai loro “quaderni” il deserto è certamente meno arido.

Ostraka su pietra calcarea. Disegno di una favola. XIX dinastia

Ostraka su pietra calcarea. Disegno di una favola. XIX dinastia

Foto: Bridgeman/Aci

Una dura disciplina

Nella scuola degli scribi la disciplina era rigida poiché doveva preparare gli alunni all’austerità del servizio nell’amministrazione statale. Le qualità richieste erano carattere, ambizione e sottomissione al superiore. L’educazione dello scolaro veniva paragonata all’ammaestramento delle scimmie, dei cavalli, dei tori e dei cani che, alla fine, volenti o nolenti, si piegano al giogo. Ma la gioventù è ribelle per natura e i maestri erano più volte costretti a rimproverare duramente gli studenti: «Mi è stato detto che hai abbandonato la scrittura e che vai a spasso tra i piaceri, che hai voltato la schiena ai geroglifici! Non concedere il tuo cuore ai piaceri, altrimenti sarai un fallimento». Sembra di sentire le ramanzine di oggi: il tempo è passato ma a quanto pare i rimproveri non sono cambiati poi tanto.

Vizualizări: 2

Adaugă un comentariu

Pentru a putea adăuga comentarii trebuie să fii membru al altmarius !

Alătură-te reţelei altmarius

STATISTICI

Free counters!
Din 15 iunie 2009

200 state 

(ultimul: Micronesia)

Numar de steaguri: 264

Record vizitatori:    8,782 (3.04.2011)

Record clickuri:

 16,676 (3.04.2011)

Steaguri lipsa: 42

1 stat are peste 660,000 clickuri (Romania)

1 stat are peste 100.000 clickuri (USA)

1 stat are peste 40,000 clickuri (Moldova)

1 stat are peste 20,000  clickuri (Italia)

2 state au peste 10.000 clickuri (Franta,  Germania)

6 state au peste 5.000 clickuri (Olanda, Belgia, Marea Britanie, Canada, UngariaSpania )

10 state au peste 1,000 clickuri (Polonia, Rusia,  Australia, IrlandaIsraelGreciaElvetia ,  Brazilia, Suedia, Austria)

50 state au peste 100 clickuri

24 state au un click

altmarius.ning.com-Google pagerank,alexa rank,Competitor

DE URMĂRIT

1. ANTICARIAT ALBERT

http://anticariatalbert.com/

2. ANTICARIAT ODIN 

http://anticariat-odin.ro/

3. TARGUL CARTII

http://www.targulcartii.ro/

4. PRINTRE CARTI

http://www.printrecarti.ro/

5. MAGAZINUL DE CARTE

http://www.magazinul-de-carte.ro/

6 ANTICARIAT PLUS

http://www.anticariatplus.ro/

7. DEPOZITUL DE CARTI 

http://www.calinblaga.ro/

8. CARTEA DE CITIT

http://www.carteadecitit.ro/

9. ANTICARIAT ON-LINE
http://www.carti-online.com/

10. ANTICARIATUL DE NOAPTE

 http://www.anticariatuldenoapte.ro/

11. ANTICARIATUL NOU

http://www.anticariatulnou.ro

12. ANTICARIAT NOU

https://anticariatnou.wordpress.com/

13. ANTICARIAT ALEPH

https://www.anticariataleph.ro/

14. ANTIKVARIUM.RO

http://antikvarium.ro

15.ANTIKVARIUS.RO

https://www.antikvarius.ro/

16. ANTICARIAT LOGOS

http://www.anticariat-logos.ro/

17. ANTICARIAT.NET

http://www.anticariat.net/informatii-contact.php

18. TIMBREE

www.timbree.ro

19. FILATELIE

 http://www.romaniastamps.com/

20 MAX

http://romanianstampnews.blogspot.com

21. STAMPWORLD

http://www.stampworld.com

22. LIBMAG

https://www.libmag.ro/oferta-carti-polirom/?utm_source=facebook-ads-7-99-polirom&utm_medium=banner-facebook&utm_campaign=7-99-polirom-facebook&utm_content=new-3

23. DAFFI'S BOOKS

https://www.daffisbooks.ro/

24. MAGIA MUNTELUI

http://magiamuntelui.blogspot.com

25. RAZVAN CODRESCU
http://razvan-codrescu.blogspot.ro/

26.RADIO ARHIVE

https://www.facebook.com/RadioArhive/

27.EDITURA UNIVERSITATII CUZA - IASI

http://www.editura.uaic.ro/produse/colectii/documenta/1

28. EDITURA ISTROS

https://www.muzeulbrailei.ro/editura-istros/

29. EDITURA HOFFMAN

https://www.editurahoffman.ro/

30. SA NU UITAM

http://sanuuitam.blogspot.ro/

31. MIRON MANEGA
http://www.certitudinea.o

32. NATIONAL GEOGRAPHIC ROMANIA

https://www.natgeo.ro/revista

Anunturi

Licenţa Creative Commons Această retea este pusă la dispoziţie sub Licenţa Atribuire-Necomercial-FărăModificări 3.0 România Creativ

Note

Hoffman - Jurnalul cărților esențiale

1. Radu Sorescu -  Petre Tutea. Viata si opera

2. Zaharia Stancu  - Jocul cu moartea

3. Mihail Sebastian - Orasul cu salcimi

4. Ioan Slavici - Inchisorile mele

5. Gib Mihaescu -  Donna Alba

6. Liviu Rebreanu - Ion

7. Cella Serghi - Pinza de paianjen

8. Zaharia Stancu -  Descult

9. Henriette Yvonne Stahl - Intre zi si noapte

10.Mihail Sebastian - De doua mii de ani

11. George Calinescu Cartea nuntii

12. Cella Serghi Pe firul de paianjen…

Continuare

Creat de altmariusclassic Dec 23, 2020 at 11:45am. Actualizat ultima dată de altmariusistoric Ian 17.

© 2021   Created by altmarius.   Oferit de

Embleme  |  Raportare eroare  |  Termeni de utilizare a serviciilor