altmarius

cultură şi spiritualitate

L’enigma della pittura immobile: Giorgio De Chirico a Pisa


Giorgio de Chirico Bagni Misteriosi, 1965 circa, olio su tela, 64 x 82.5 cm, Fondazione Giorgio e Isa de Chirico, Roma © Giorgio De Chirico by SIAE 2020https://artslife.com/wp-content/uploads/2021/02/Immagine-2-800x609.png 800w, https://artslife.com/wp-content/uploads/2021/02/Immagine-2-600x457.png 600w, https://artslife.com/wp-content/uploads/2021/02/Immagine-2-768x585.png 768w, https://artslife.com/wp-content/uploads/2021/02/Immagine-2-822x626.png 822w, https://artslife.com/wp-content/uploads/2021/02/Immagine-2.png 1081w" sizes="(max-width: 1000px) 100vw, 1000px" />
Giorgio de Chirico, Bagni Misteriosi, 1965 circa, olio su tela, 64 x 82.5 cm, Fondazione Giorgio e Isa de Chirico, Roma © Giorgio De Chirico by SIAE 2020

Tra il 2019 e il 2021 Giorgio De Chirico, nonostante i tempi duri del coronavirus, ha collezionato ben quattro mostre, a Genova, Torino, Milano e per ultima Pisa. Il 20 gennaio scorso Palazzo Blu ha aperto le sue porte a De Chirico e la metafisica, dopo un fallito tentativo il 7 novembre. Una bella, organica e ricca rassegna, che dimostra una volta di più quante opere originali il pictor optimus abbia creato.

Le decine di dipinti, che occupano tutto il palazzo, in un percorso cronologico-tematico, provengono dalla Fondazione Giorgio e Isa de Chirico e dalla collezione personale del pittore donata nel 1987 dalla moglie del pittore Isabella alla Galleria Nazionale di Roma. Segnano tutte le tappe della straordinaria avventura artistica del pittore, dalla formazione in Grecia agli inizi a Monaco di Baviera sotto il segno di Böklin e Klinger, dal ritorno in Italia ai frequenti soggiorni francesi, sino al definitivo stabilirsi a Roma. Attraverso tutte le svolte, le invenzioni, gli enigmi che si dipanano lungo il cordone della “metafisica”, da lui inventata.

Perché tutto si svolge lì, lungo quella straniante e spiazzante “metafisica”. Da quel giorno di autunno fiorentino del 1910 in cui il pittore in piazza Santa Croce ha la «strana impressione di vedere ogni cosa per la prima volta», riflettendo le sue sensazioni malinconiche nella tela L’enigma di un pomeriggio d’autunno, all’ultima conquista, la “neometafisica”. Una tappa quest’ultima che lo stesso De Chirico definisce «una evoluzione di visioni» dei soggetti affrontati prima, manichini, archeologi, piazze, città, statue, bagni misteriosi, interni metafisici, scatole, e altro. Partenze e ritorni. Il pittore rivede e reinterpreta i suoi soggetti in maniera geniale mantenendo fermo il suo linguaggio metafisico, tra accezioni classiche, barocche, o di ritorno all’ordine.

Giorgio de Chirico Autoritratto nudo, 1945, olio su tela, 60.5 x 50 cm, Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma © Giorgio De Chirico by SIAE 2020https://artslife.com/wp-content/uploads/2021/02/Immagine2-1-494x600.png 494w" sizes="(max-width: 609px) 100vw, 609px" />
Giorgio de Chirico, Autoritratto nudo, 1945, olio su tela, 60.5 x 50 cm, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma © Giorgio De Chirico by SIAE 2020

Nella mostra pisana il primo impatto è con un bel gruppo di Autoritratti. Ne ha dipinti più di cento. Eccolo col suo cipiglio nello studio (1934-1935), in costume del Seicento (1947), in costume nero (1948), accanto ad una testa di Minerva (1958), nudo con perizoma (1945). Nell’autoritratto del 1925, tra i più intriganti, il volto giovane di De Chirico interroga lo spettatore, sullo sfondo di un pezzo di cielo degno di un pittore del ‘400.

Perché così tanti autoritratti? Un modo di analizzarsi più a fondo o di mimetizzarsi dietro false apparenze? Nessuna risposta soddisfacente è ancora arrivata.

Dalle maschere alla metafisica con opere dagli anni Venti ai Cinquanta, torri silenziose e solitarie, imponenti piazze con improbabili architetture, trovatori, personaggi del mito, manichini fatti di elementi geometrici. Quelli che avevano fatto scatenare Roberto Longhi in uno dei suoi articoli più caustici e velenosi intitolato Al dio ortopedico, uscito il 22 febbraio 1919 su “Il Tempo”. Una stroncatura impietosa per il quasi coetaneo De Chirico che si aspettava lodi.

E non era stato il solo ad infierire. Ci penseranno poi il surrealista André Breton nel 1928 e Pablo Picasso che lo definirà con ironia il “pittore delle stazioni”. Eppure De Chirico, considerato dal critico francese Waldemar George, il “dominatore” dell’arte del XX secolo con Picasso, collezionerà stima e successi. Non solo, ma influenzerà gran parte dell’arte del Novecento, dal Dadaismo al Surrealismo, dal Realismo magico alla Pop Art. La sua lunga strada, ben rappresentata nel resto della mostra, è oggetto ancora oggi di importanti studi e scoperte, come dimostrano carteggi e documenti inglesi pubblicati nel libro De Chirico and the United Kingdom di Victoria Noel -Johnson (Marietti 2017).

Giorgio de Chirico Ettore e Andromaca, 1924, olio su tela, 98 x 75.5 cm, Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma © Giorgio De Chirico by SIAE 2020https://artslife.com/wp-content/uploads/2021/02/4-443x600.png 443w" sizes="(max-width: 549px) 100vw, 549px" />
Giorgio de Chirico, Ettore e Andromaca,1924, olio su tela, 98 x 75.5 cm, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma © Giorgio De Chirico by SIAE 2020

Informazioni

De Chirico e la Metafisica

Pisa, BLU | Palazzo d’arte e cultura Fondazione Palazzo Blu, Lungarno Gambacorti 9

Dal lunedì al venerdì 10.00 – 19.00

(La biglietteria chiude un’ora prima della chiusura)

La prenotazione è obbligatoria per tutte le tipologie di biglietto

Informazioni online:               

www.dechiricopisa.it

www.mondomostre.it

www.palazzoblu.it

Vizualizări: 15

Adaugă un comentariu

Pentru a putea adăuga comentarii trebuie să fii membru al altmarius !

Alătură-te reţelei altmarius

STATISTICI

Free counters!
Din 15 iunie 2009

200 state 

(ultimul: Micronesia)

Numar de steaguri: 264

Record vizitatori:    8,782 (3.04.2011)

Record clickuri:

 16,676 (3.04.2011)

Steaguri lipsa: 42

1 stat are peste 660,000 clickuri (Romania)

1 stat are peste 100.000 clickuri (USA)

1 stat are peste 40,000 clickuri (Moldova)

2 state au peste 20,000  clickuri (Italia,  Germania)

1 stat are peste 10.000 clickuri (Franta)

6 state au peste 5.000 clickuri (Olanda, Belgia, Marea Britanie, Canada, UngariaSpania )

10 state au peste 1,000 clickuri (Polonia, Rusia,  Australia, IrlandaIsraelGreciaElvetia ,  Brazilia, Suedia, Austria)

50 state au peste 100 clickuri

24 state au un click

 

Website seo score
Powered by WebStatsDomain

DE URMĂRIT

1. ANTICARIAT ALBERT

http://anticariatalbert.com/

2. ANTICARIAT ODIN 

http://anticariat-odin.ro/

3. TARGUL CARTII

http://www.targulcartii.ro/

4. PRINTRE CARTI

http://www.printrecarti.ro/

5. MAGAZINUL DE CARTE

http://www.magazinul-de-carte.ro/

6 ANTICARIAT PLUS

http://www.anticariatplus.ro/

7. DEPOZITUL DE CARTI 

http://www.calinblaga.ro/

8. CARTEA DE CITIT

http://www.carteadecitit.ro/

9. ANTICARIAT ON-LINE
http://www.carti-online.com/

10. ANTICARIATUL DE NOAPTE

 http://www.anticariatuldenoapte.ro/

11. ANTICARIATUL NOU

http://www.anticariatulnou.ro

12. ANTICARIAT NOU

https://anticariatnou.wordpress.com/

13. ANTICARIAT ALEPH

https://www.anticariataleph.ro/

14. ANTIKVARIUM.RO

http://antikvarium.ro

15.ANTIKVARIUS.RO

https://www.antikvarius.ro/

16. ANTICARIAT LOGOS

http://www.anticariat-logos.ro/

17. ANTICARIAT.NET

http://www.anticariat.net/informatii-contact.php

18. TIMBREE

www.timbree.ro

19. FILATELIE

 http://www.romaniastamps.com/

20 MAX

http://romanianstampnews.blogspot.com

21. STAMPWORLD

http://www.stampworld.com

22. LIBMAG

https://www.libmag.ro/oferta-carti-polirom/?utm_source=facebook-ads-7-99-polirom&utm_medium=banner-facebook&utm_campaign=7-99-polirom-facebook&utm_content=new-3

23. DAFFI'S BOOKS

https://www.daffisbooks.ro/

24. MAGIA MUNTELUI

http://magiamuntelui.blogspot.com

25. RAZVAN CODRESCU
http://razvan-codrescu.blogspot.ro/

26.RADIO ARHIVE

https://www.facebook.com/RadioArhive/

27.EDITURA UNIVERSITATII CUZA - IASI

http://www.editura.uaic.ro/produse/colectii/documenta/1

28. EDITURA ISTROS

https://www.muzeulbrailei.ro/editura-istros/

29. EDITURA HOFFMAN

https://www.editurahoffman.ro/

30. SA NU UITAM

http://sanuuitam.blogspot.ro/

31. MIRON MANEGA
http://www.certitudinea.o

32. NATIONAL GEOGRAPHIC ROMANIA

https://www.natgeo.ro/revista

Anunturi

Licenţa Creative Commons Această retea este pusă la dispoziţie sub Licenţa Atribuire-Necomercial-FărăModificări 3.0 România Creativ

Note

Hoffman - Jurnalul cărților esențiale

1. Radu Sorescu -  Petre Tutea. Viata si opera

2. Zaharia Stancu  - Jocul cu moartea

3. Mihail Sebastian - Orasul cu salcimi

4. Ioan Slavici - Inchisorile mele

5. Gib Mihaescu -  Donna Alba

6. Liviu Rebreanu - Ion

7. Cella Serghi - Pinza de paianjen

8. Zaharia Stancu -  Descult

9. Henriette Yvonne Stahl - Intre zi si noapte

10.Mihail Sebastian - De doua mii de ani

11. George Calinescu Cartea nuntii

12. Cella Serghi Pe firul de paianjen…

Continuare

Creat de altmariusclassic Dec 23, 2020 at 11:45am. Actualizat ultima dată de altmariusclassic Ian 24.

© 2021   Created by altmarius.   Oferit de

Embleme  |  Raportare eroare  |  Termeni de utilizare a serviciilor