altmarius

cultură şi spiritualitate

Giotto ad Assisi: le storie di San Francesco


Di Laura Corchia

https://restaurars.altervista.org/giotto-ad-assisi-le-storie-di-san...

La grande opera pittorica generalmente attribuita a Giotto è il ciclo con le Storie di San Francesco della chiesa superiore di San Francesco ad Assisi, sul quale, peraltro, la critica è tutt’altro che concorde, riguardo non solo alla dimensione della partecipazione del maestro all’impresa ma anche alla sua effettiva presenza nel contesto dell’opera.

Il grande racconto per immagini della vita del Santo si snoda, con ventotto scene, lungo il registro inferiore della navata. Con ogni probabilità, fu eseguito a partire dal 1296, data in cui, secondo Vasari, era generale dell’Ordine francescano fra’ Giovanni Mincio di Morrovalle, committente dell’opera.

La chiesa superiore di Assisi presenta un’unica navata con quattro campate coperte da volte a crociera archiacute poggianti su pilastri a fascio. Ad di sotto delle finestre, è collocato un alto basamento che crea alla sua sommità un corridoio praticabile, il cosiddetto “passage remois”.

A22-Bas-Superiore31

Le pareti accolgono tre scene per campata, ad eccezione della prima, dove se ne trovano quattro. Le singole scene sono però unificate da un’incorniciatura architettonica dipinta , costituita da colonnine tortili con una decorazione che richiama lo stile cosmatesco. Gli affreschi vanno letti a tre a tre, ma le singole scene elaborano al loro interno una concezione dello spazio autonoma che si va via via perfezionando, sino ad arrivare alla scena che raffigura il Presepe di Greccio con il virtuosismo della croce raffigurata da un ardito scorcio. Questa, trattenuta da una cordicella, sembra sospesa in equilibrio precario sul tramezzo che separa le due zone della chiesa. Edifici, arredi liturgici, spazi urbani sono costruiti con particolare definizione e con una grandissima attenzione alla verosimiglianza. Più di una volta è stata infatti sottolineata la somiglianza tra il ciborio che compare nella scena del Presepe di Greccio con i cibori eseguiti da Arnolfo di Cambio nelle basiliche romane.

Appare evidente che il ciclo francescano fu pensato e realizzato per interagire direttamente con l’architettura reale. Per esempio, all’estremità di ogni campata le colonnine dipinte “poggiano” ai pilastri. Questa nuova concezione dello spazio dipinto deriva in realtà dai modelli pittorici del mondo classico, che in questa direzione aveva elaborato complessi e sofisticati sistemi prospettici per superare la bidimensionalità della parete e per creare immagini che suggeriscono la tridimensionalità del reale.

Nella scena che raffigura “Il dono del mantello”, San Francesco è assoluto protagonista della scena e la sua testa è posta proprio all’incrocio di due gruppi montuosi. L’iconografia è ispirata dalla Leggenda maggiore di Bonaventura da Bagnoreggio, che racconta: “Il beato Francesco s’incontrò con un cavaliere generoso ma povero e malvestito; avendo avuto rispettosa compassione della povertà di costui, subito, spogliandosi delle proprie vesti, lo rivestì”. Volti e gesti rispecchiano un nuovo linguaggio naturalistico, con gustose notazioni di costume. Tutto è descritto con cura: animali, berretti, drappi, abiti e fisionomie.

“Il dono del mantello”, Giotto, 1295-1299, San Francesco d'Assisi, Basilica Superiore

Il riquadro che ritrae san Francesco mentre prega dinanzi al crocifisso di San Damiano è occupato quasi interamente da un’architettura, in cui si svolge la scena. Il Crocifisso raffigurato, con i dolenti a figura intera posti accanto alla figura di Cristo, è ancora visibile nella chiesa di  Santa Chiara ad Assisi. Rappresentando con precisione quella croce, il pittore sottolinea la verità storica dell’avvenimento. L’architettura di sbieco anticiperebbe soluzioni padovane.

Racconta la Laggenda Maggiore di Bonaventura da Bagnoreggio: “Francesco restituì al padre ogni cosa e deposte tutte le vesti rinunziò ai beni paterni e transitori”. Nella scena della Rinuncia ai beni paterni è raffigurato il momento in cui Francesco, toltesi le vesti e ricoperto alla meglio dal vescovo, invoca l’Eterno, forse in origine dipinto nella parte centrale in alto, dove appare solo una mano. Di fronte a lui l’irato Pietro di Bernardone è trattenuto per un braccio da un personaggio del suo seguito. Due bambini hanno le vesti rialzate, nelle quali nascondono forse i sassi da lanciare contro Francesco, ritenuto pazzo dai concittadini. La scena è divisa in due parti dalle architetture che creano spazi  e giocano con la luce. I colori hanno dei significati simbolici: per esempio,il padre di Francesco indossa un abito giallo, rimando ai beni mondani.

giottoassisibasilicasuperiorelarinunciaaibenipaterni12951300

 

L’Approvazione della regola è una delle scene più complesse dal punto di vista dello spazio. Si svolge in una sala con il tetto che appoggia su arcate sostenute da mensoline, organizzate prospetticamente e sottolineate da un fascio di luce. Una preziosa tenda ricopre le pareti della stanza che accoglie le figure, tutte colte in espressioni intense e partecipi. I panni ruvidi, che rivestono i frati, contrastano con quelli raffinati del papa, avvolto in una elegante stola.

In spazi aperti è invece ambientata la bellissima scena che narra la predica agli uccelli, così descritta nella Leggenda maggiore: “Il beato Francesco andando in Bevagna predicò agli uccelli i quali, quasi esprimendosi con gesti, protendevano le ali, aprivano il becco, toccavano la sua tunica; tutto questo lo videro i compagni che aspettavano sul ciglio della strada”. La natura semplice è sottolineata dagli alberi in fiore di una limpida primavera.

Giotto_di_Bondone_-_Legend_of_St_Francis_-_15._Sermon_to_the_Birds_-_WGA09139

 

Vizualizări: 12

Adaugă un comentariu

Pentru a putea adăuga comentarii trebuie să fii membru al altmarius !

Alătură-te reţelei altmarius

STATISTICI

Free counters!
Din 15 iunie 2009

200 state 

(ultimul: Micronesia)

Numar de steaguri: 264

Record vizitatori:    8,782 (3.04.2011)

Record clickuri:

 16,676 (3.04.2011)

Steaguri lipsa: 42

1 stat are peste 660,000 clickuri (Romania)

1 stat are peste 100.000 clickuri (USA)

1 stat are peste 40,000 clickuri (Moldova)

2 state au peste 20,000  clickuri (Italia,  Germania)

1 stat are peste 10.000 clickuri (Franta)

6 state au peste 5.000 clickuri (Olanda, Belgia, Marea Britanie, Canada, UngariaSpania )

10 state au peste 1,000 clickuri (Polonia, Rusia,  Australia, IrlandaIsraelGreciaElvetia ,  Brazilia, Suedia, Austria)

50 state au peste 100 clickuri

24 state au un click

 

Website seo score
Powered by WebStatsDomain

DE URMĂRIT

1. ANTICARIAT ALBERT

http://anticariatalbert.com/

2. ANTICARIAT ODIN 

http://anticariat-odin.ro/

3. TARGUL CARTII

http://www.targulcartii.ro/

4. PRINTRE CARTI

http://www.printrecarti.ro/

5. MAGAZINUL DE CARTE

http://www.magazinul-de-carte.ro/

6 ANTICARIAT PLUS

http://www.anticariatplus.ro/

7. DEPOZITUL DE CARTI 

http://www.calinblaga.ro/

8. CARTEA DE CITIT

http://www.carteadecitit.ro/

9. ANTICARIAT ON-LINE
http://www.carti-online.com/

10. ANTICARIATUL DE NOAPTE

 http://www.anticariatuldenoapte.ro/

11. ANTICARIATUL NOU

http://www.anticariatulnou.ro

12. ANTICARIAT NOU

https://anticariatnou.wordpress.com/

13. ANTICARIAT ALEPH

https://www.anticariataleph.ro/

14. ANTIKVARIUM.RO

http://antikvarium.ro

15.ANTIKVARIUS.RO

https://www.antikvarius.ro/

16. ANTICARIAT LOGOS

http://www.anticariat-logos.ro/

17. ANTICARIAT.NET

http://www.anticariat.net/informatii-contact.php

18. TIMBREE

www.timbree.ro

19. FILATELIE

 http://www.romaniastamps.com/

20 MAX

http://romanianstampnews.blogspot.com

21. STAMPWORLD

http://www.stampworld.com

22. LIBMAG

https://www.libmag.ro/oferta-carti-polirom/?utm_source=facebook-ads-7-99-polirom&utm_medium=banner-facebook&utm_campaign=7-99-polirom-facebook&utm_content=new-3

23. DAFFI'S BOOKS

https://www.daffisbooks.ro/

24. MAGIA MUNTELUI

http://magiamuntelui.blogspot.com

25. RAZVAN CODRESCU
http://razvan-codrescu.blogspot.ro/

26.RADIO ARHIVE

https://www.facebook.com/RadioArhive/

27.EDITURA UNIVERSITATII CUZA - IASI

http://www.editura.uaic.ro/produse/colectii/documenta/1

28. EDITURA ISTROS

https://www.muzeulbrailei.ro/editura-istros/

29. EDITURA HOFFMAN

https://www.editurahoffman.ro/

30. SA NU UITAM

http://sanuuitam.blogspot.ro/

31. MIRON MANEGA
http://www.certitudinea.o

32. NATIONAL GEOGRAPHIC ROMANIA

https://www.natgeo.ro/revista

Anunturi

Licenţa Creative Commons Această retea este pusă la dispoziţie sub Licenţa Atribuire-Necomercial-FărăModificări 3.0 România Creativ

Note

Hoffman - Jurnalul cărților esențiale

1. Radu Sorescu -  Petre Tutea. Viata si opera

2. Zaharia Stancu  - Jocul cu moartea

3. Mihail Sebastian - Orasul cu salcimi

4. Ioan Slavici - Inchisorile mele

5. Gib Mihaescu -  Donna Alba

6. Liviu Rebreanu - Ion

7. Cella Serghi - Pinza de paianjen

8. Zaharia Stancu -  Descult

9. Henriette Yvonne Stahl - Intre zi si noapte

10.Mihail Sebastian - De doua mii de ani

11. George Calinescu Cartea nuntii

12. Cella Serghi Pe firul de paianjen…

Continuare

Creat de altmariusclassic Dec 23, 2020 at 11:45am. Actualizat ultima dată de altmariusclassic Ian 24.

© 2021   Created by altmarius.   Oferit de

Embleme  |  Raportare eroare  |  Termeni de utilizare a serviciilor