altmarius

cultură şi spiritualitate

Edvard Munch: l’arte come “Urlo” contro la vita


di Laura Corchia

“L’uomo chiede urlando la sua anima, un solo grido d’angoscia sale dal nostro tempo. Anche l’arte urla nelle tenebre, chiama al soccorso, invoca lo spirito: è l’espressionismo.”

(Hermann Bahr)

Tutta l’opera di Edvard Munch nasce ai margini di un’esistenza caratterizzata, fin dal principio, da un profondo disagio interiore.

Nato nel 1863 in una fattoria nei pressi di Oslo, ebbe un’infanzia difficile e segnata da dolori che gli lacerarono il cuore. Come egli stesso sostenne, “nella casa della mia infanzia abitavano malattia e morte. Non ho mai superato l’infelicità di allora […] Così vissi coi morti”. A cinque anni, vide infatti morire la madre di tubercolosi e, a quattordici, a lasciarlo fu la sorella.

Il padre, un medico ossessionato dalla religione, era serio e introverso, ma non lo ostacolò mai nella sua naturale inclinazione verso l’arte. Fin dagli esordi, Munch non fece altro che scrivere e riscrivere la sua vita, scandagliando a fondo il suo animo alla ricerca della sua intima e dolorosa sofferenza.

“Per diversi anni fui quasi pazzo, poi trovai me stesso fissando dritto nella spaventosa faccia della follia”.

Edvard Munch, La bambina malata, 1885-1886
Edvard Munch, La bambina malata, 1885-1886

Morte, dolore, fallimenti e tragedie furono descritte dal pittore con pennellate fluide e linee morbide, di derivazione liberty. I temi ricorrenti nelle sue opere si caratterizzano per un accentuato patetismo: “tempo di cuscini, tempo dei letti e dei malati e delle trapunte”, come egli stesso definì la sua pittura. Ne La bambina malata, dipinta tra il 1885 e il 1886, il pittore condensa un frammento della sua vita passata. Seduto di fronte alla tela, torna lo spettro della sorella morente. La raffigura con i capelli rossi, distesa in un letto, con le spalle appoggiate a un enorme cuscino bianco. Accanto, inginocchiata, vi è una figura femminile dal capo reclinato. I due personaggi sono in silenzio. La fanciulla spalanca un occhio vitreo e allucinato presagio di sventura, e la sua mano sinistra è accarezzata da quelle della donna. Il dolore per l’imminente morte si avverte nell’intreccio delle mani, rese con pochi colpi di colore. Quel gesto carico di commozione rappresenta il centro esatto del dipinto.

Leggi anche  Maurice Denis (1870 - 1943): il "Nabi delle belle immagini"

“Credo che nessun pittore abbia vissuto il suo tema fino all’ultimo grido di dolore come me quando ho dipinto La bambina malata. […] Non ero solo su quella sedia mentre dipingevo, erano seduti con me tutti i miei cari, che su quella sedia, a cominciare da mia madre, inverno dopo inverno, si struggevano nel desiderio del sole, finchè la morte venne a prenderli.”

Edvard Munch, La madre morta e la bambina, 1897-1899
Edvard Munch, La madre morta e la bambina, 1897-1899

Il tema della morte torna poi in un altro dipinto dal titolo La madre morta e la bambina. Sebbene la protagonista sia questa volta la madre, come suggerirebbe il titolo, lo sguardo dell’osservatore non può fare a meno di essere catturato da quella bambina posta in primo piano, con l’abitino rosso e le mani portate alle orecchio, forse per isolarsi da quel dramma famigliare e non sentire i lamenti delle figure che si muovono sommessamente nella stanza. La donna distesa sotto le coperte, con gli occhi chiusi, è appena tratteggiata e la linea bianca del letto funge da stacco tra i due piani.

Leggi anche  Il bacio raccontato nelle dieci opere d’arte più romantiche e famose
Edvard Munch, Il bacio, 1897
Edvard Munch, Il bacio, 1897

Persino quando tratta temi amorosi, come ne Il bacio, il pennello del pittore non smette di tracciare segni che rimandano all’angoscia. La mancata felicità si avverte dai toni cubi, dagli abiti neri dei due protagonisti, dalla completa assenza di luce. Sulla sinistra, oltre una tenda, un guizzo di luce fa penetrare i colori vivaci del mondo esterno e l’azzurro del cielo. La superficie pittorica è graffiata, suggerendo l’uso da parte di Munch del manico del pennello. Diedi anni dopo, Gustav Klimt diede la propria versione di un incontro amoroso che nulla ha a che vedere con quello raffigurato dal pittore svedese. I protagonisti di Klimt sono avvolti dall’oro e hanno sguardi rapiti dall’estasi. Non vi è fusione tra i due volti. Proprio questo dettaglio porta a comprendere che amore, per Munch, significa rinunciare alla propria identità, distruggere la propria anima.

Torna in mente così una frase scritta dal poeta Giuseppe Ungaretti:

“Le nostre malattie si fondono

e come portati via si rimane”.

Vizualizări: 1

Adaugă un comentariu

Pentru a putea adăuga comentarii trebuie să fii membru al altmarius !

Alătură-te reţelei altmarius

STATISTICI

Free counters!
Din 15 iunie 2009

202 state 

(ultimul: Guam)

Numar de steaguri: 264

Record vizitatori:    8,782 (3.04.2011)

Record clickuri:

 16,676 (3.04.2011)

Steaguri lipsa: 40

1 stat are peste 660,000 clickuri (Romania)

1 stat are peste 100.000 clickuri (USA)

1 stat are peste 40,000 clickuri (Moldova)

2 state au peste 20,000  clickuri (Italia,  Germania)

1 stat are peste 10.000 clickuri (Franta)

6 state au peste 5.000 clickuri (Olanda, Belgia, Marea Britanie, Canada, UngariaSpania )

10 state au peste 1,000 clickuri (Polonia, Rusia,  Australia, IrlandaIsraelGreciaElvetia ,  Brazilia, Suedia, Austria)

50 state au peste 100 clickuri

16 state au un click

Website seo score
Powered by WebStatsDomain

DE URMĂRIT

1.EDITURA HOFFMAN

https://www.editurahoffman.ro/

2. EDITURA ISTROS

https://www.muzeulbrailei.ro/editura-istros/

3.EDITURA UNIVERSITATII CUZA - IASI

https://www.editura.uaic.ro/produse/editura/ultimele-aparitii/1

4. PRINTRE CARTI

http://www.printrecarti.ro/

5. ANTICARIAT ALBERT

http://anticariatalbert.com/

6. ANTICARIAT ODIN 

http://anticariat-odin.ro/

7. TARGUL CARTII

http://www.targulcartii.ro/

8. MAGAZINUL DE CARTE

http://www.magazinul-de-carte.ro/

9. ANTICARIAT PLUS

http://www.anticariatplus.ro/

10. CARTEA DE CITIT

http://www.carteadecitit.ro 11. ANTICARIAT ON-LINE
http://www.carti-online.com/

12. ANTICARIATUL DE NOAPTE

 http://www.anticariatuldenoapte.ro/

13. ANTICARIATUL NOU

http://www.anticariatulnou.ro

14. ANTICARIAT NOU

https://anticariatnou.wordpress.com/

15. ANTICARIAT ALEPH

https://www.anticariataleph.ro/

16. ANTIKVARIUM.RO

http://antikvarium.ro

17.ANTIKVARIUS.RO

https://www.antikvarius.ro/

18. EDITURA ARGONAUT

https://www.editura-argonaut.ro/

19.EDITURA MEGA

https://edituramega.ro/

20. TIMBREE

www.timbree.ro

21. FILATELIE

 http://www.romaniastamps.com/

22 MAX

http://romanianstampnews.blogspot.com

23. STAMPWORLD

http://www.stampworld.com

24. LIBMAG

https://www.libmag.ro/edituri/polirom/?utm_source=Newsletter%20T%C3%A2rgul%20C%C4%83r%C8%9Bii&utm_medium=email&utm_campaign=P%C3%A2n%C4%83%20la%20-90%!%20Ia-%C8%9Bi%20lecturi%20Polirom%20pentru%20un%20sezon%20plin%20de%20magie!

25. DAFFI'S BOOKS

https://www.daffisbooks.ro 26. MAGIA MUNTELUI

http://magiamuntelui.blogspot.com

27. RAZVAN CODRESCU
http://razvan-codrescu.blogspot.ro/

28.RADIO ARHIVE

https://www.facebook.com/RadioArhive/

29.NATIONAL GEOGRAPHIC ROMANIA

https://www.natgeo.ro/revista

30. SA NU UITAM

http://sanuuitam.blogspot.ro/

31. MIRON MANEGA
http://www.certitudinea.o

32. CERTITUDINEA

www.certitudinea.com

Anunturi

Licenţa Creative Commons Această retea este pusă la dispoziţie sub Licenţa Atribuire-Necomercial-FărăModificări 3.0 România Creativ

Note

Hoffman - Jurnalul cărților esențiale

1. Radu Sorescu -  Petre Tutea. Viata si opera

2. Zaharia Stancu  - Jocul cu moartea

3. Mihail Sebastian - Orasul cu salcimi

4. Ioan Slavici - Inchisorile mele

5. Gib Mihaescu -  Donna Alba

6. Liviu Rebreanu - Ion

7. Cella Serghi - Pinza de paianjen

8. Zaharia Stancu -  Descult

9. Henriette Yvonne Stahl - Intre zi si noapte

10.Mihail Sebastian - De doua mii de ani

11. George Calinescu Cartea nuntii

12. Cella Serghi Pe firul de paianjen…

Continuare

Creat de altmariusclassic Dec 23, 2020 at 11:45am. Actualizat ultima dată de altmariusclassic Ian 24.

© 2021   Created by altmarius.   Oferit de

Embleme  |  Raportare eroare  |  Termeni de utilizare a serviciilor