altmarius

cultură şi spiritualitate

Dora Maar, la fotografa del Surrealismo

L’artista, una tra le poche donne a far parte del movimento fondato da André Breton, s’interessava anche di pittura e di politica. Soggiogata dalla personalità sadica di Picasso, ebbe un crollo psicologico da cui non si riprese mai del tutto


Si racconta che Pablo Picasso s’invaghì di lei dopo averla vista seduta al tavolino del caffè parigino Les Deux Magots mentre, con la mano aperta a ventaglio, colpiva velocemente lo spazio tra le dita con un piccolo coltello, non fermandosi neppure quando si feriva per errore. Lei era la fotografa Dora Maar, aveva meno di trent'anni e forse aveva fatto quel pericoloso gioco proprio per attirare l’attenzione del celebre pittore. Da lì a poco, infatti, i due iniziarono una lunga relazione che però si sarebbe rivelata decisamente tossica per la donna. Picasso infatti ebbe numerosissime amanti, spesso anche più di una contemporaneamente (per esempio, quando iniziò la storia con Dora era sposato e aveva da poco avuto una figlia dall’amante): si “innamorava” di tutte con grande slancio, ma, da narcisista, le dominava e le umiliava sadicamente senza troppi scrupoli. Il più delle volte queste donne ne uscivano così psicologicamente devastate che alcune tentarono anche il suicidio. Quando, dopo circa nove anni, Picasso e Dora si lasciarono, lei ebbe un forte esaurimento nervoso da cui non guarì mai del tutto. 

Dalla Francia all'Argentina

Dora Maar è lo pseudonimo di Henriette Theodora Markovitch. Nacque a Parigi il 22 novembre 1907 da Joseph, un architetto di origine croata e da Louise-Julie Voisin, una francese proprietaria di una boutique. Quando Theodora aveva tre anni, il padre trasferì la famiglia a Buenos Aires per motivi di lavoro. Da piccola non visse del tutto positivamente gli anni in Sud America. Per esempio, raccontò che la sua camera aveva una porta a vetri coperta da una tenda che si trovava all’esterno della porta, così che chiunque poteva spiarla mentre si trovava dentro, creandole molto fastidio. Nel 1926 la famiglia fece ritorno a Parigi e la diciannovenne, che nell’adolescenza aveva sviluppato una forte passione per l’arte, si mise a studiare per diventare pittrice. Dopo aver realizzato alcuni dipinti, però, forse anche a causa dell’incontro con i fotografi Henri Cartier-Bresson e Brassaï, scelse d'intraprendere la carriera di fotografa. 

'Ritratto di Dora Maar'. Olio di Pablo Picasso. 1941

'Ritratto di Dora Maar'. Olio di Pablo Picasso. 1941

Foto: The Granger Collection, New York / Cordon Press

Iniziò per lei una fase di grande attività: prima s'imbarcò su una nave cargo diretta a Capo Verde per un reportage, poi aprì uno studio fotografico specializzato in pubblicità insieme a un collega di nome Pierre Kèfer. La donna – nel frattempo aveva iniziato a farsi chiamare Dora Maar, accorciando il suo nome – realizzò immagini innovative e sperimentali che riscossero un forte interesse: nel 1934, per esempio, dovendo realizzare la pubblicità di un prodotto per capelli, fotografò la bottiglia piegata come per versarne il contenuto, ma al posto del liquido uscivano ciocche di una chioma. In un’altra fotografia esaltò la bellezza della modella ricoprendone il corpo di tatuaggi appositamente disegnati da lei stessa. 

Originalità surrealista

Un’originalità simile non poteva sfuggire al Surrealismo, un movimento caratterizzato dall’idea che l’arte non doveva essere razionale, ma libera espressione dell’inconscio. A partire dalla metà degli anni Trenta, infatti, Dora iniziò a frequentare gli ambienti surrealisti entrando in contatto con André Breton, il teorico del gruppo, e gli altri artisti. Ne fu molto influenzata, sperimentò i foto-collage e le sue fotografie divennero sempre più “fantastiche”, ironiche e oniriche. Non a caso, una delle opere simbolo della fotografia surrealista è proprio sua: rappresenta un feto di armadillo rannicchiato in modo tale da sembrare un monaco incappucciato.  

Ma gli interessi della donna non erano limitati all’arte: era molto appassionata di politica e sosteneva l’ideologia di sinistra dell’epoca. Fu tra i firmatari di alcuni manifesti contro il fascismo. Frequentò anche in un circolo politico dove conobbe il poeta Georges Bataille, con cui ebbe una relazione (anch’essa molto complicata) prima di conoscere Picasso. Anche la sua passione per la fotografia di strada si ricollegava alle sue idee politiche, scegliendo di immortalare la solitudine ma anche la dignità degli ultimi. In giro per le vie cittadine con una pratica fotocamera Rolleiflex, ritrasse anziani, bambini e mendicanti.

La sua fama come fotografa crebbe rapidamente e iniziò a pubblicare i suoi scatti su riviste d’arte, come Art et Métiers Graphiques. Nel 1935 fu assunta come fotografa di set per Le Crime de Monsieur Lange, un film diretto da Jean Renoir, figlio del maestro dell’Impressionismo Pierre-Auguste. Sul set incontrò per la prima volta Picasso, già ultracinquantenne. Lui non la notò più di tanto, a differenza della volta del coltello in cui rimase così colpito da chiederle in dono i suoi guanti che si erano macchiati di sangue. 

L’inizio della sua relazione con Picasso coincise con il suo declino psicologico e anche artistico. L’uomo, infatti, le chiese di smettere di fotografare e la spinse a riprendere a dipingere, consapevole che Dora era più brava con la macchina fotografica che con i pennelli. Picasso la rappresentò in moltissime opere e, secondo alcuni studi, Dora influenzò molto la sua arte: poiché lei era molto più impegnata politicamente, il suo apporto sarebbe stato decisivo nella composizione di Guernica, il capolavoro del pittore sulla guerra civile spagnola. Quel che è certo è che si deve a lei un fondamentale reportage sulla composizione del dipinto.

Dora Maar posa a fianco a un suo ritratto del 1937 realizzato da Pablo Picasso. Foto del 1947 circa

Dora Maar posa a fianco a un suo ritratto del 1937 realizzato da Pablo Picasso. Foto del 1947 circa

Foto: ©Michel Sima / Rue des Archives / Cordon Press

Non perderti nessun articolo! Iscriviti alla newsletter settimanale di Storica!

Una relazione tossica

Picasso sosteneva di amarla. Poi però le vietava di andare da lui senza invito, la umiliava con continui tradimenti, si divertiva a vederla litigare con Marie-Thérèse, l’altra sua compagna. Ma soprattutto, ne annientava la personalità, facendo sì che fosse totalmente sottomessa al suo carattere sadico. «Non sono stata l'amante di Picasso. Era solo il mio padrone», disse una volta Dora Maar. La coppia si separò nel 1943 (anche se si frequentarono saltuariamente per qualche tempo), quando Picasso conobbe Françoise Gilot, 40 anni più giovane di lui.

Dora, già sprofondata in un caos emotivo, collassò ed ebbe un esaurimento nervoso, aggravato da una serie di traumi che si erano susseguiti in quegli anni, come la morte improvvisa della madre e di un’amica, la partenza del padre per l’Argentina e la guerra.  Picasso non incolpò minimamente se stesso dei problemi della donna, bensì la sua frequentazione con i surrealisti, eccentrici e irrazionali. Lo psichiatra Jacques Lacan dapprima cercò di curarla con l’elettroshock re poi di farle accettare i suoi problemi, indirizzandola verso la religione cattolica in cui trovò in parte una consolazione. 

Dora Maar si trasferì in Provenza e, vivendo una vita riservata, riprese a dedicarsi all’arte. Prima s'interessò alla ritrattistica e poi, negli anni Sessanta, praticò l’astrattismo. Riprese anche con la fotografia, anche se in misura minore, e negli anni Ottanta sperimentò in camera oscura il fotogramma, una stampa fotografica realizzata appoggiando oggetti su carta fotografica ed esponendoli alla luce.

Morì a 89 anni, il 16 luglio 1997. Un giornale la definì “vittima del Minotauro”, alludendo alla sua personalità artistica e non, schiacciata da quella del pittore spagnolo. In effetti, per lungo tempo, la sua abilità d’artista è stata subordinata, specialmente nell’attenzione dei media, alla sua vita sentimentale e solo da poco tempo la sua arte è stata riscoperta e valorizzata, finalmente emancipata da Picasso.

Pablo Picasso, Ritratto di Dora Maar seduta, 1937, Museo Picasso, Parigi

1 / 4


Pablo Picasso, Ritratto di Dora Maar seduta, 1937, Museo Picasso, Parigi

L’opera è uno dei primi ritratti che Picasso fece alla donna, nei primi tempi della loro relazione. L'immagine è costruita in maniera tale da mostrare contemporaneamente il viso sia di profilo sia frontalmente. Dora siede su una poltrona nera con braccioli, elegantemente vestita e dalla posa rilassata. Colpisce l’attenzione, oltre l’occhio languido e il vestito elegante, anche le mani, dalle dita affusolate e laccate di rosso.

 

Foto: © shorturl.at/gpE59



Pablo Picasso, Dora Maar seduta, 1938, The Granger Collection, New York

2 / 4


Pablo Picasso, Dora Maar seduta, 1938, The Granger Collection, New York

Dora fu una musa per Picasso che la ritrasse innumerevoli volte solitamente in primo piano o da seduta, come in questo caso. Dopo la fine della loro relazione, la donna affermò che in nessuno dei suoi ritratti il pittore aveva rappresentato realmente lei, ma «sono tutti Picasso», sottintendendo come la prepotente personalità dell’artista emergesse anche nelle sue opere. In altri dipinti, la fotografa è rappresentata con le lacrime agli occhi, il che le valse l’appellativo di “donna piangente”.

 

Foto: The Granger Collection, New York / Cordon Press



Dora Maar, 'Ritratto di Alice B. Toklas', 1946, Parigi

3 / 4


Dora Maar, 'Ritratto di Alice B. Toklas', 1946, Parigi

Dora Maar coltivò numerose amicizie tra i più influenti intellettuali del suo tempo. In questa fotografia del 1946, posa insieme al ritratto da lei realizzato per l’amica Alice Toklas, una scrittrice statunitense, compagna per oltre quarant’anni della letterata Gertrude Stein. Toklas  era famosa, tra l’altro, per la pubblicazione nel 1954 di un libro di cucina e memorie personali in cui compariva anche una ricetta a base di cannabis. Dora Maar rappresentò l’amica seduta in poltrona, con uno sguardo serio e pensieroso.

 

Foto: © Michel Sima / Rue des Archives / Cordon Press



Foto Dora Maar, Picasso e Lee Miller a Mougins, 1937

4 / 4


Foto Dora Maar, Picasso e Lee Miller a Mougins, 1937

Tra le amicizie di Picasso compare anche Elizabeth “Lee” Miller, una modella e fotoreporter di guerra per Vogue (documentò, per esempio, gli orrori dei campi di concentramento di Buchenwald e Dachau). Miller immortalò Picasso in moltissime foto e il pittore ricambiò con alcuni ritratti. Lei e Dora condividevano oltre la passione per la fotografia e Picasso, anche il rapporto con Man Ray, un importante fotografo surrealista. Dora era stata sua amica (e forse rivale) e posò per lui in vari scatti in cui l’uomo colse la sua sensuale bellezza. Lee, invece, era stata sua modella e compagna per qualche tempo. 

 

Foto: © Rue des Archives / Tal / Cordon Press



Vizualizări: 9

Adaugă un comentariu

Pentru a putea adăuga comentarii trebuie să fii membru al altmarius !

Alătură-te reţelei altmarius

STATISTICI

Free counters!
Din 15 iunie 2009

201 state 

(ultimul: Mauritania)

Numar de steaguri: 263

Record vizitatori:    8,782 (3.04.2011)

Record clickuri:

 16,676 (3.04.2011)

Steaguri lipsa: 41

1 stat are peste 660,000 clickuri (Romania)

1 stat are peste 100.000 clickuri (USA)

1 stat are peste 40,000 clickuri (Moldova)

2 state au peste 20,000  clickuri (Italia,  Germania)

1 stat are peste 10.000 clickuri (Franta)

6 state au peste 5.000 clickuri (Olanda, Belgia, Marea Britanie, Canada, UngariaSpania )

10 state au peste 1,000 clickuri (Polonia, Rusia,  Australia, IrlandaIsraelGreciaElvetia ,  Brazilia, Suedia, Austria)

50 state au peste 100 clickuri

16 state au un click

Website seo score
Powered by WebStatsDomain

DE URMĂRIT

1.EDITURA HOFFMAN

https://www.editurahoffman.ro/

2. EDITURA ISTROS

https://www.muzeulbrailei.ro/editura-istros/

3.EDITURA UNIVERSITATII CUZA - IASI

https://www.editura.uaic.ro/produse/editura/ultimele-aparitii/1

4. PRINTRE CARTI

http://www.printrecarti.ro/

5. ANTICARIAT ALBERT

http://anticariatalbert.com/

6. ANTICARIAT ODIN 

http://anticariat-odin.ro/

7. TARGUL CARTII

http://www.targulcartii.ro/

8. MAGAZINUL DE CARTE

http://www.magazinul-de-carte.ro/

9. ANTICARIAT PLUS

http://www.anticariatplus.ro/

10. CARTEA DE CITIT

http://www.carteadecitit.ro 11. ANTICARIAT ON-LINE
http://www.carti-online.com/

12. ANTICARIATUL DE NOAPTE

 http://www.anticariatuldenoapte.ro/

13. ANTICARIATUL NOU

http://www.anticariatulnou.ro

14. ANTICARIAT NOU

https://anticariatnou.wordpress.com/

15. ANTICARIAT ALEPH

https://www.anticariataleph.ro/

16. ANTIKVARIUM.RO

http://antikvarium.ro

17.ANTIKVARIUS.RO

https://www.antikvarius.ro/

18. EDITURA ARGONAUT

https://www.editura-argonaut.ro/

19.EDITURA MEGA

https://edituramega.ro/

20. TIMBREE

www.timbree.ro

21. FILATELIE

 http://www.romaniastamps.com/

22 MAX

http://romanianstampnews.blogspot.com

23. STAMPWORLD

http://www.stampworld.com

24. LIBMAG

https://www.libmag.ro/oferta-carti-polirom/?utm_source=facebook-ads-7-99-polirom&utm_medium=banner-facebook&utm_campaign=7-99-polirom-facebook&utm_content=new-3

25. DAFFI'S BOOKS

https://www.daffisbooks.ro 26. MAGIA MUNTELUI

http://magiamuntelui.blogspot.com

27. RAZVAN CODRESCU
http://razvan-codrescu.blogspot.ro/

28.RADIO ARHIVE

https://www.facebook.com/RadioArhive/

29.NATIONAL GEOGRAPHIC ROMANIA

https://www.natgeo.ro/revista

30. SA NU UITAM

http://sanuuitam.blogspot.ro/

31. MIRON MANEGA
http://www.certitudinea.o

32. CERTITUDINEA

www.certitudinea.com

Anunturi

Licenţa Creative Commons Această retea este pusă la dispoziţie sub Licenţa Atribuire-Necomercial-FărăModificări 3.0 România Creativ

Note

Hoffman - Jurnalul cărților esențiale

1. Radu Sorescu -  Petre Tutea. Viata si opera

2. Zaharia Stancu  - Jocul cu moartea

3. Mihail Sebastian - Orasul cu salcimi

4. Ioan Slavici - Inchisorile mele

5. Gib Mihaescu -  Donna Alba

6. Liviu Rebreanu - Ion

7. Cella Serghi - Pinza de paianjen

8. Zaharia Stancu -  Descult

9. Henriette Yvonne Stahl - Intre zi si noapte

10.Mihail Sebastian - De doua mii de ani

11. George Calinescu Cartea nuntii

12. Cella Serghi Pe firul de paianjen…

Continuare

Creat de altmariusclassic Dec 23, 2020 at 11:45am. Actualizat ultima dată de altmariusclassic Ian 24.

© 2021   Created by altmarius.   Oferit de

Embleme  |  Raportare eroare  |  Termeni de utilizare a serviciilor