altmarius

cultură şi spiritualitate

Nel 1840 due esploratori, lo statunitense John Lloyd Stephens e il britannico Frederick Catherwood, intrapresero una spedizione nello Yucatán che fece conoscere al mondo i resti della civiltà maya


Nel XVI e XVII secolo i sacerdoti e i conquistatori avevano già descritto la vita e i costumi dei maya ma, con il passare del tempo, la storia e i capolavori architettonici di questo popolo mesoamericano erano caduti nell’oblio. Di conseguenza, l’idea che si aveva dei maya a metà del XIX secolo si basava sulle comunità indigene del sud del Messico, considerate poco progredite. Alcuni autori arrivarono addirittura ad affermare che i monumenti scoperti in quelle zone erano opera di fenici, egizi o ebrei. Furono due intrepidi avventurieri, un britannico e uno statunitense, a riportare alla luce gli straordinari edifici maya nascosti nelle profondità della selva tropicale, rivelando così al mondo una civiltà di insospettato splendore.

John Lloyd Stephens era nato a Shrewsbury, in New Jersey. Dopo aver portato a termine i suoi studi di diritto in Connecticut, si dedicò alla politica. Ma la sua vita ebbe una svolta radicale quando i medici gli raccomandarono di andare in Europa per riprendersi da una malattia respiratoria. Nel novembre del 1835, dopo aver viaggiato per tutto il Vecchio Continente, raggiunse la Francia con il proposito di imbarcarsi per gli Stati Uniti, ma non riuscì a trovare posto a causa dell’enorme flusso di emigranti.

Rassegnato, Stephens decise di rimandare il ritorno e ne approfittò per visitare il Vicino Oriente. In quella che oggi è la Giordania adottò lo pseudonimo di Abdel Hassis e diresse i suoi passi verso l’affascinante città di Petra. In Egitto visitò i principali siti archeologici grazie a un salvacondotto fornitogli dal governatore ottomano d’Egitto, Mehmet Ali. Documentò le sue esperienze in due libri: Incidents of Travel in Egypt, Arabia Petraea, and the Holy Land, del 1837, e Incidents of Travel in Greece, Turkey, Russia and Poland, del 1838, che ricevettero un’ottima accoglienza da parte del pubblico.

Durante uno scalo a Londra, Stephens conobbe quello che sarebbe stato il suo compagno di viaggio durante gli anni successivi, Frederick Catherwood, con cui entrò subito in sintonia. Nato a Londra da una famiglia benestante, Catherwood parlava correntemente arabo, italiano e greco, leggeva perfettamente l’ebraico ed era eclettico come il suo amico Stephens. Architetto, ingegnere e illustratore, aveva preso parte a numerose spedizioni archeologiche.

Avventura in America centrale

Di ritorno a New York, Stephens sfruttò i suoi contatti nel mondo politico per riuscire a ottenere la nomina ad ambasciatore statunitense nella Repubblica Federale del Centro America. La sua vera intenzione era quella di approfittare dell’incarico per studiare i resti archeologici della regione. Contattò allora il suo amico Catherwood e lo ingaggiò per 1.500 dollari in qualità di architetto, disegnatore tecnico, topografo e illustratore. La spedizione fu finanziata con i proventi ottenuti dalla prima opera di Stephens, nel frattempo diventata un bestseller. Il 3 ottobre 1839 i due salparono finalmente in direzione del Belize a bordo della Mary Ann. La loro prima meta era Copán, nell’attuale Honduras. Per accedervi, i due dovettero percorrere sentieri fangosi pressoché impraticabili, sopportando l’umidità, il calore e gli insetti, e farsi strada nella selva a colpi di machete. Quando finalmente poterono contemplare quelle piramidi, così diverse da quelle che avevano visto in Egitto, restarono a bocca aperta. Studiarono attentamente sculture, rilievi e incisioni, convincendosi che erano opera di una civiltà indigena sviluppata.

Secondo la leggenda che narrarono a Stephens a Uxmal, questa gigantesca piramide di 35 metri di altezza fu costruita in una notte da un nano, figlio di una maga, che in seguito divenne sovrano della città

Secondo la leggenda che narrarono a Stephens a Uxmal, questa gigantesca piramide di 35 metri di altezza fu costruita in una notte da un nano, figlio di una maga, che in seguito divenne sovrano della città

Foto: Dmitri Alexander / Getty Images

Il proprietario dei terreni dov’erano situati i resti, José María Acebedo, non voleva stranieri in giro da quelle parti e così non gli facilitò le cose. Stephen, lungi dal lasciarsi intimorire, indossò il suo pomposo abito da ambasciatore e fece sfoggio delle sue doti diplomatiche, convincendo Acebedo a vendergli la città per «l’incredibile somma di cinquanta dollari». Così, il 17 novembre 1839 ebbero inizio gli scavi archeologici di Copán. Stephens diresse i lavori di sgombero mentre Catherwood, armato di un teodolite, tracciò la pianta della città e fece disegni di straordinaria precisione grazie all’uso di una camera lucida, un dispositivo ottico utilizzato dagli artisti come ausilio per il disegno.

Sfida alle autorità

Mentre Stephens si recava in Guatemala per ottenere i permessi necessari per iniziare l’esplorazione di Copán, Catherwood si avventurò nei dintorni del sito maya. Durante una delle sue peregrinazioni scoprì Quiriguás, 50 chilometri più a nord, dove trovò un’impressionante collezione di lapidi maya.

In seguito i due ricercatori si diressero verso Palenque attraversando enclavi naturali di grande bellezza, come il lago Atitlán, in Guatemala, per poi giungere finalmente a Comitán, al confine con lo stato del Chiapas. Lì vennero a sapere che il presidente del Messico, il generale López de Santa Anna, aveva proibito le visite alla città. Ciononostante, proseguirono fino al villaggio di Palenque, nei pressi delle rovine. Al termine di un viaggio durissimo, dopo aver attraversato il fiume che divide il sito in due settori, zuppi d’acqua e divorati dalle zanzare, i due videro comparire tra le cime degli alberi le splendide sommità degli edifici di Palenque, capolavori dell’architettura maya. Nonostante il divieto, decisero di accamparsi lì, insediandosi in quello che oggi conosciamo come il Palazzo. La vegetazione aveva completamente ricoperto gli edifici. I due ne ripulirono alcuni tra i più interessanti, come lo stesso Palazzo, di cui Catherwood immortalò i grandi bassorilievi in pietra della corte principale. Nei suoi disegni l’inglese illustrò anche il Tempio delle Iscrizioni, al cui interno si celava la tomba di Pakal il Grande, signore di Palenque – che sarebbe stata scoperta solo nel 1952 dall’archeologo Alberto Ruz –, il Tempio della Croce Fogliata e il Tempio del Sole, con le sue intricate incisioni.

Era la prima volta che questi edifici venivano studiati da un punto di vista scientifico. Dal canto suo, Stephens individuò una serie di elementi comuni nelle diverse città maya, affermando che molti dei rilievi trovati contenevano complessi geroglifici che raccontavano una storia: questa fu senza dubbio un’intuizione geniale se consideriamo che la scrittura maya è stata decifrata quasi completamente solo pochi decenni fa.

Il Palazzo delle Maschere di Kabah è un magnifico esempio di architettura in stile puuc. Le maschere rappresentano Chac, il dio maya della pioggia​

Il Palazzo delle Maschere di Kabah è un magnifico esempio di architettura in stile puuc. Le maschere rappresentano Chac, il dio maya della pioggia​

Foto: Bertrand Gardel / Gtres

Stephens cercò di comprare Palenque, così come aveva fatto con Copán, perché era intenzionato a trasportare i monumenti a New York pietra per pietra per creare un grande museo dedicato alla cultura maya. Per Palenque offrì 1.500 dollari, ma le leggi messicane non permettevano agli stranieri di possedere terra a meno che non fossero sposati con messicane. Le solide convinzioni di Stephens riguardo al celibato mandarono a monte l’acquisto. Così, dopo quasi due mesi di lavoro, il primo giugno 1840 l’accampamento fu smantellato.

I due avventurieri si misero quindi in marcia verso il Golfo del Messico, decisi a esplorare l’antica città di Uxmal, che localizzarono grazie alla rudimentale mappa che lo stesso proprietario del terreno, il latifondista yucateco Simón Peón, aveva dato a Stephens quando questi si trovava a New York. Ma quando arrivarono a Uxmal, il 24 giugno 1840, Catherwood aveva la malaria ed era fortemente debilitato. I due documentarono rapidamente il loro soggiorno nel sito e quindi fecero rientro a New York.

Un successo letterario

Nonostante le difficoltà, il viaggio era stato un successo. Stephens e Catherwood avevano riscoperto le antiche città maya di Copán, Kabah, Mérida, Palenque, Quiriguá, Utatlán, Sayil, Toniná, Topoxte e Uxmal. Inoltre, anche se non avevano visitato Tikal, nella guatemalteca foresta del Petén, avevano osservato le sommità delle piramidi spuntare dalla boscaglia, registrandone la posizione approssimativa. A New York, Stephens ebbe finalmente stempo di ordinare il materiale raccolto e poté pubblicare un nuovo libro, Incidents of Travel in Central America, Chiapas and Yucatan, che superò il successo ottenuto dai precedenti. Con uno stile vivace e fresco l’opera narrava le peripezie di un viaggio difficile ma affascinante, in un contesto magico, popolato di città sconosciute e misteriose. Stephens e Catherwood, inquieti, decisero immediatamente di intraprendere un secondo viaggio in Yucatán, che prepararono nei dettagli. Partirono il 9 ottobre 1841 ed esplorarono le città di Aké, Chichén Itzá, Dzibilnocac, Itzamal, Labná, Mayapán, Tulum e di nuovo Uxmal. Questa volta però li accompagnava il naturalista Samuel Cabot, che studiò la fauna locale. Il risultato fu il libro Incidents of Travel in Yucatan, che conteneva 120 incisioni di Frederick Catherwood e fu pubblicato a New York nel 1843.

Separati dalla morte

Nel 1847 Stephens fu nominato vicepresidente e direttore della Ocean Steam Navigating Company. Nel 1850, mentre era in carica, gli fu offerto di partecipare alla costruzione della Panama Railway, la prima ferrovia transcontinentale. Stephens chiamò Catherwood perché lo sostituisse mentre era a Panamá. Fu l’ultima volta che si videro. Stephens morì a New York il 13 ottobre 1852. La sua morte fu circondata da un’aura di leggenda. Si disse che era morto sdraiato sotto un grande ceiba (l’albero sacro dei maya) a Panamá. Sembra che in realtà quando lo trovarono fosse solo svenuto, e che fu trasportato a New York, dove più tardi morì. Nel 1947 sulla sua lapide fu posta una targa commemorativa con un glifo maya in cui veniva riconosciuto come pioniere degli studi su questa civiltà.

La morte di Catherwood fu un evento più tragico: morì nel naufragio dell’Arctic, la nave su cui viaggiava da Liverpool a New York il 27 settembre 1854 e in cui perirono altri 385 passeggeri. A differenza della morte di Stephens, la scomparsa del disegnatore che aveva immortalato le rovine delle città maya ritrovate sotto il manto della selva passò praticamente inosservata agli occhi dell’opinione pubblica dell’epoca.

 

 

 

Chichén Itzá

1 / 6


Chichén Itzá

Martedì 15 marzo 1842, nel corso del loro secondo emozionante viaggio in Yucatán, John Lloyd Stephens e Frederick Catherwood giunsero finalmente alle impressionanti rovine di Chichén Itzá, situate all’interno della tenuta di Juan Sosa. L’ambasciatore Stephens scriveva: «Alle quattro di pomeriggio lasciammo Pisté e ben presto vedemmo il castello di Chichén torreggiare sulla pianura. In mezz’ora raggiungemmo le rovine di questa antica città […] uno spettacolo che suscitò la nostra più viva ammirazione». Essendo ormai prossimo il tramonto, chiesero ospitalità presso la tenuta. Al mattino seguente visitarono le rovine che «erano davvero magnifiche […], in direzione sud-est si staglia “el Castillo”, il primo edificio che abbiamo scorto nonché il meglio visibile da qualsiasi punto della pianura […] Il tumulo, dall’aspetto solido, misura 75 piedi dalla base fino al vertice. Sul lato ovest c’è una scalinata di 37 piedi di larghezza; e a nord, un’altra di 45 piedi, composta da 90 gradini. Alla base di questa […] ci sono due gigantesche teste di serpenti lunghe dieci piedi, con le fauci aperte e la lingua fuori. Dovevano sicuramente essere gli emblemi di qualche credenza religiosa, destinati a suscitare un sacro sentimento di terrore».

In questa litografia Frederick Catherwood ritrae la piramide di Kukulkán, a Chicén Itzá, ricoperta da una fitta vegetazione, proprio come la videro Stephens e Catherwood nel 1842.

Foto: Akg / Album



Copán

2 / 6


Copán

Il primo incontro di Stephens e Catherwood con una città maya avvenne a Copán, al termine di un viaggio molto duro. Dopo essersi fatti strada nella selva a colpi di machete, i due videro i resti di un antico insediamento, ormai ricoperto di vegetazione. Subito notarono quella che Stephens definì una colonna di pietra, e che in realtà era una bellissima stele con l’immagine di quella che ritennero essere una donna. Oggi possiamo leggere nei glifi incisi sulla stele che l’effigie rappresentava uno dei sovrani più famosi di Copán: Waxaklajun Ub’aah K’awiil, rappresentato come dio del mais. Stephens seppe riconoscere che quei disegni incisi nella pietra erano glifi, che Catherwood illustrò con grande precisione. Stephens negoziò l’acquisto del sito con il proprietario
del terreno, José María de Acebedo. «Ho pagato Copán 50 dollari. Non è stato necessario trattare sul prezzo».

Nella litografia di Catherwood è ritratta la parte posteriore di una monumentale stele scoperta a Copán. 

Foto: Akg / Album



Palenque

3 / 6


Palenque

Questa evocativa immagine, disegnata da Frederick Catherwood durante la sua permanenza a Palenque nel 1840, mostra il Tempio delle Iscrizioni e il Palazzo ricoperti dalla fitta vegetazione che tanto rese difficile il lavoro dell’illustratore. Come avevano fatto con Copán, i due avventurieri cercarono di comprare Palenque per poter lavorare con calma, ma questa volta non ci riuscirono. Così, per accelerare il processo, Catherwood assunse Henry Pawling perché facesse dei calchi in gesso dei pezzi di Palenque. Catherwood aveva appreso questo metodo durante il suo soggiorno ad Atene e pensava di esporre i calchi a New York. Ma gli indigeni si opposero con veemenza all’idea e Catherwood dovette desistere. Passarono la notte nel Palazzo, «un grande edificio riccamente decorato con eleganti stucchi». Attaccarono le amache in completa solitudine, dato che «gli indios superstiziosi avevano paura a restare di notte tra le rovine». Furono letteralmente divorati dalle zanzare, che non gli risparmiarono punture in nessuna zona del corpo.

 

Foto: Akg / Album



Uxmal

4 / 6


Uxmal

In un caldo giorno d’estate del 1840 arrivarono a Uxmal «a mezzogiorno e mezzo sotto un sole cocente». Ciò costrinse Catherwood, molto debilitato, a «rientrare alla tenuta», mentre Stephens proseguì: «Con mia grande sorpresa, mi ritrovai davanti a un grande campo aperto, ricoperto di cumuli di rovine, vasti edifici su piattaforme e strutture piramidali, grandi e ben conservati, riccamente decorati, completamente liberi dagli arbusti e davvero pittoreschi, quasi quanto le rovine di Tebe [in Egitto]. Al mio ritorno, ne feci un tale resoconto al signor Catherwood che questi, senza muoversi dall’amaca, esausto e scoraggiato mi disse che stavo esagerando. Al mattino seguente vi ritornammo molto presto, ed egli dichiarò che la realtà superava la mia descrizione. Il luogo di cui parlo doveva indubbiamente essere stato una grande città, popolosa e altamente civilizzata, ma il lettore non ne troverà menzione in alcun libro di storia».

Il Quadrilatero delle monache, a Uxmal, è un grande complesso architettonico che Catherwood illustrò parzialmente in quest'immagine. 

Foto: Akg / Album



Kabah

5 / 6


Kabah

L’8 gennaio del 1841, tra Mérida e Chichén Itzá, Stephens e Catherwood trovarono «un ampio campo di rovine» che oggi conosciamo come il percorso puuc, un’area costellata di antichi insediamenti caratterizzati dallo stesso stile architettonico, un’intricata decorazione di mascheroni e gelosie di pietra. Tra questi si trovava la città di Kabah, i cui edifici strapparono ai due avventurieri «un’esclamazione di sorpresa e ammirazione». Soprattutto gli interni, che erano a compartimenti: «Ci si presentò davanti una scena totalmente nuova. La sala è costituita da due stanze parallele, messe in comunicazione da una porta al centro. Il pavimento di questo vano interno è sopraelevato e lo si raggiunge tramite due gradini intagliati in un’unica pietra, il primo dei quali raffigura un rotolo di carta. Il primo giorno abbiamo mangiato qui, in ricordo del precedente proprietario di questo edificio e, dato che nelle sue terre l’acqua scarseggiava, la facemmo portare dai pozzi di Nohcacab [una località nelle vicinanze]».

In questa litografia di Catherwood un falso arco e altri elementi decorativi, come una maschera del dio Chac in primo piano, decorano questa stanza a Kabah.

Foto: Akg / Album



Labná

6 / 6


Labná

Durante il loro secondo viaggio in Yucatán, nel 1841, gli avventurieri Stephens e Catherwood visitarono anche Labná, un’enclave così nascosta che neppure gli abitanti della zona ne conoscevano l’esistenza. Scrive Stephens: «Arrivammo al sito delle rovine. Pur con tutto quello che avevamo visto in precedenza, quel luogo ci riempì di ammirazione e di stupore […] Da quando eravamo in Yucatán non avevamo ancora trovato niente di più impressionante di quei resti […]». Subito furono colpiti da «un arco davvero notevole per la bellezza delle sue proporzioni e la grazia delle decorazioni […]. Sulla parete posteriore si apriva una porta ben proporzionata e ancor più riccamente decorata di qualsiasi altra parte della struttura». In soli tre giorni i braccianti ripulirono la zona ricoperta dalla fitta vegetazione accumulatasi nei secoli, e Catherwood poté finalmente ritrarre in questa litografia l’arco in tutto il suo splendore.

 

Foto: Akg / Album



Vizualizări: 7

Adaugă un comentariu

Pentru a putea adăuga comentarii trebuie să fii membru al altmarius !

Alătură-te reţelei altmarius

STATISTICI

Free counters!
Din 15 iunie 2009

200 state 

(ultimul: Micronesia)

Numar de steaguri: 264

Record vizitatori:    8,782 (3.04.2011)

Record clickuri:

 16,676 (3.04.2011)

Steaguri lipsa: 42

1 stat are peste 660,000 clickuri (Romania)

1 stat are peste 100.000 clickuri (USA)

1 stat are peste 40,000 clickuri (Moldova)

2 state au peste 20,000  clickuri (Italia,  Germania)

1 stat are peste 10.000 clickuri (Franta)

6 state au peste 5.000 clickuri (Olanda, Belgia, Marea Britanie, Canada, UngariaSpania )

10 state au peste 1,000 clickuri (Polonia, Rusia,  Australia, IrlandaIsraelGreciaElvetia ,  Brazilia, Suedia, Austria)

50 state au peste 100 clickuri

24 state au un click

 

Website seo score
Powered by WebStatsDomain

DE URMĂRIT

1. ANTICARIAT ALBERT

http://anticariatalbert.com/

2. ANTICARIAT ODIN 

http://anticariat-odin.ro/

3. TARGUL CARTII

http://www.targulcartii.ro/

4. PRINTRE CARTI

http://www.printrecarti.ro/

5. MAGAZINUL DE CARTE

http://www.magazinul-de-carte.ro/

6 ANTICARIAT PLUS

http://www.anticariatplus.ro/

7. DEPOZITUL DE CARTI 

http://www.calinblaga.ro/

8. CARTEA DE CITIT

http://www.carteadecitit.ro/

9. ANTICARIAT ON-LINE
http://www.carti-online.com/

10. ANTICARIATUL DE NOAPTE

 http://www.anticariatuldenoapte.ro/

11. ANTICARIATUL NOU

http://www.anticariatulnou.ro

12. ANTICARIAT NOU

https://anticariatnou.wordpress.com/

13. ANTICARIAT ALEPH

https://www.anticariataleph.ro/

14. ANTIKVARIUM.RO

http://antikvarium.ro

15.ANTIKVARIUS.RO

https://www.antikvarius.ro/

16. ANTICARIAT LOGOS

http://www.anticariat-logos.ro/

17. ANTICARIAT.NET

http://www.anticariat.net/informatii-contact.php

18. TIMBREE

www.timbree.ro

19. FILATELIE

 http://www.romaniastamps.com/

20 MAX

http://romanianstampnews.blogspot.com

21. STAMPWORLD

http://www.stampworld.com

22. LIBMAG

https://www.libmag.ro/oferta-carti-polirom/?utm_source=facebook-ads-7-99-polirom&utm_medium=banner-facebook&utm_campaign=7-99-polirom-facebook&utm_content=new-3

23. DAFFI'S BOOKS

https://www.daffisbooks.ro/

24. MAGIA MUNTELUI

http://magiamuntelui.blogspot.com

25. RAZVAN CODRESCU
http://razvan-codrescu.blogspot.ro/

26.RADIO ARHIVE

https://www.facebook.com/RadioArhive/

27.EDITURA UNIVERSITATII CUZA - IASI

http://www.editura.uaic.ro/produse/colectii/documenta/1

28. EDITURA ISTROS

https://www.muzeulbrailei.ro/editura-istros/

29. EDITURA HOFFMAN

https://www.editurahoffman.ro/

30. SA NU UITAM

http://sanuuitam.blogspot.ro/

31. MIRON MANEGA
http://www.certitudinea.o

32. NATIONAL GEOGRAPHIC ROMANIA

https://www.natgeo.ro/revista

Anunturi

Licenţa Creative Commons Această retea este pusă la dispoziţie sub Licenţa Atribuire-Necomercial-FărăModificări 3.0 România Creativ

Note

Hoffman - Jurnalul cărților esențiale

1. Radu Sorescu -  Petre Tutea. Viata si opera

2. Zaharia Stancu  - Jocul cu moartea

3. Mihail Sebastian - Orasul cu salcimi

4. Ioan Slavici - Inchisorile mele

5. Gib Mihaescu -  Donna Alba

6. Liviu Rebreanu - Ion

7. Cella Serghi - Pinza de paianjen

8. Zaharia Stancu -  Descult

9. Henriette Yvonne Stahl - Intre zi si noapte

10.Mihail Sebastian - De doua mii de ani

11. George Calinescu Cartea nuntii

12. Cella Serghi Pe firul de paianjen…

Continuare

Creat de altmariusclassic Dec 23, 2020 at 11:45am. Actualizat ultima dată de altmariusclassic Ian 24.

© 2021   Created by altmarius.   Oferit de

Embleme  |  Raportare eroare  |  Termeni de utilizare a serviciilor