altmarius

cultură şi spiritualitate

Vibrazioni della terra

Si è svolto a Baveno la XIV edizione del Festival "Umberto Giordano"


Discovery Ensemble nella Cava di Baveno
>> Altre foto legate alla notizia.

 

 


Se una rondine non fa primavera, un festival non fa cultura, ma tanti festival e tante manifestazioni possono essere un segnale per poter dire che è arrivata la primavera. Così è per il Lago Maggiore sulle due sponde, quella lombarda e quella piemontese, dove nella cosiddetta "bella stagione" è un susseguirsi di iniziative che spesso accontentano anche i palati più raffinati. Ma poi viene l'inverno e le rondini emigrano e anche la cultura prende il volo. Peccato che tutto si concentri nel breve periodo della stagione estiva. D'ora in poi e fino alla rondine della prossima primavera i residenti, che non possono fare a meno di ascoltare musica dal vivo, di andare a teatro o al cinema (e possono permetterselo), devono fare i pendolari e dirigersi verso località più fortunate per le attività culturali fuori stagione.
Ma ora qui, sulle sponde del Verbano, si è appena conclusa a Baveno e dintorni, osteggiata da un clima poco clemente, la XIV edizione del Baveno Festival "Umberto Giordano", che ci ha proposto un menù da gran gourmet. Quasi un miracolo, visto che, tra una finanziaria e l'altra, le amministrazioni pubbliche locali fanno sempre più fatica a stanziare i quattro soldi utili a evitare il collasso delle attività culturali. Ogni anno sembra debbano soccombere di fronte all'incalzare dei bisogni primari dei cittadini, poi con il soccorso di San Sponsor avviene il miracolo e si rende possibile lo svolgimento del Festival.
Lungimiranti e avveduti i pubblici amministratori di Baveno per aver affidato il Festival a Raffaella Valsecchi, che da alcuni anni dà prova del livello qualitativo che è possibile raggiungere con pochi mezzi ma con tanta buona volontà, idee chiare e molta esperienza.
Nel 2011 ricorrono due importanti anniversari: i duecento anni dalla nascita di Franz Liszt e i cento anni dalla morte di Gustav Mahler. Due giganti i cui nomi non potevano mancare nel calendario del Festival che apre e chiude nel nome di Mahler, con una parentesi, abbastanza rara nel panorama musicale, del repertorio organistico di Liszt nell'interpretazione di Corrado Cavalli.
Quest'anno il Festival si fregia del titolo "Vibrazioni della terra". Ed ecco quindi che entra subito in gioco Gustav Mahler con il suo Das Lied von der Erde (Il canto della terra). Composto su testi poetici tratti da un'antologia di liriche cinesi, tradotte in tedesco da Hans Bethge. la versione di Mahler avrebbe richiesto un organico Û mahleriano, ma in soccorso delle evidenti difficoltà logistiche viene in aiuto la raffinata versione per ensemble di Arnold Schoenberg, che con tredici musicisti, un direttore e due solisti supplisce in modo egregio ed elegante all'originale e, quello che più conta, non te lo fa rimpiangere, anzi Û in conclusione un successo e applausi sentiti da un pubblico che ha saputo apprezzare la non facile partitura in un'esecuzione che ha messo in risalto ogni dettaglio dei Lieder, su cui Schoenberg ha messo la sua autorevole mano e dove hanno fatto spicco le voci di Giovanna Lanza, mezzosoprano e Danilo Formaggia, tenore, e il giovane direttore Marcello Parolini, attento a ogni dettaglio e ben servito dal Baveno Festival Ensemble.
Dopo Mahler è stato la volta di numerosi incontri con giovani interpreti, come il già citato organista Corrado Cavalli, il soprano Maria Tomassi, il baritono Eugene Chan (premiati al Concorso Lirico Internazionale "U.Giordano" di Foggia), l'arpista Paola Cavedon. Fino al gran finale quando, a ritmo serrato, si susseguono:
- il "Furore di Vivaldi" con la sempre più sorprendente Gemma Bertagnolli, che con l'ensemble Dolce&Tempesta diretto al cembalo da Stefano Demicheli, ha interpretato magistralmente arie da opere del Prete Rosso dalla tessitura vocale quasi impraticabile.
- "W. A. Mozart: Lieder e sonate" con Hanna Bayodi Hirt, e il gruppo cameristico L'Astrée con Francesco D'Orazio, violino, e Giorgio Tabacco, fortepiano.
Un concerto raffinato e che, alternando Sonate e Lieder, percorre un excursus ideale della vita di Mozart (dall'infanzia all'ultimo anno di vita) con una Hirt in gran forma.
- "New York New York", infine, è un appuntamento quanto mai affascinante. Torniamo infatti nel Novecento, ma visto con un'angolazione originale e rara. Ritmo incalzante, grande impegno e partecipazione di tutti i componenti della big band splendidamente tenuta in pugno da Luigi Di Fronzo. Molto apprezzato, per il contrappunto "illustrato", l'artista della sabbia Massimo Ottoni.
Ha fatto da cornice a quest'ultimo incontro il vasto capannone della cava di granito di Baveno, dove per la prima volta l'immenso spazio era occupato da suoni nuovi e mai uditi prima, suoni diversi da quelli, immaginiamo assordanti delle macchine, che hanno taciuto per lasciare spazio ai ritmi e alle melodie di Gershwin, Duke Ellington, Count Basie, Benny Goodman ecc.
E' ormai consuetudine chiudere il Festival con l'Orchestra Giovanile del Verbano Cusio Ossola, diretta da Umberto Benedetti Michelangeli. Quest'anno è Mahler il protagonista indiscusso del Festival e la sua Quarta sinfonia si presta benissimo non solo a celebrarlo, ma a far risaltare le qualità dei giovani musicisti, che hanno lavorato con grande impegno, e si sente.
Da non dimenticare, negli spazi lasciati liberi dalla clemenza del tempo, le installazioni affidate alla fantasia di Sebastiano Romano, che incrocia musica e immagini dando vita a sequenze suggestive sulla facciata della Chiesa, sulle pareti delle cave o sulle vele delle barche con effetti di grande efficacia che affascinano i turisti e concludono cromaticamente le notti sul lago.
Chiude un festival subito incalzato da un altro. L'estate continua. (g.s.)

News inserita il 22-07-2011.

Altre foto legate all'argomento:

Il mezzosoprano Giovanna Lanza
Il tenore Danilo Formaggia Il Discovery Ensemble diretto da Luigi Di Fronzo
Le installazioni di Sebastiano Romano Le vele illustrate

Vizualizări: 37

Adaugă un comentariu

Pentru a putea adăuga comentarii trebuie să fii membru al altmarius !

Alătură-te reţelei altmarius

STATISTICI

Free counters!
Din 15 iunie 2009

199 state 

(ultimul: Sint Maarten)

Numar de steaguri: 263

Record vizitatori:    8,782 (3.04.2011)

Record clickuri:

 16,676 (3.04.2011)

Tari lipsa: 43

1 stat are peste 600,000 clickuri (Romania)

1 stat are peste 90.000 clickuri (USA)

1 stat are peste 40,000 clickuri (Moldova)

1 stat are peste 20,000  clickuri (Italia)

2 state au peste 10.000 clickuri (Franta,  Germania)

6 state au peste 5.000 clickuri (Olanda, Belgia, Marea Britanie, Canada, UngariaSpania )

10 state au peste 1,000 clickuri (Polonia, Rusia,  Australia, IrlandaIsraelGreciaElvetia ,  Brazilia, Suedia, Austria)

50 state au peste 100 clickuri

24 state au un click

Rating for altmarius.ning.com 

altmarius.ning.com-Google pagerank,alexa rank,Competitor

DE URMĂRIT

1. ANTICARIAT ALBERT

http://anticariatalbert.com/

2. ANTICARIAT ODIN 

http://anticariat-odin.ro/

3. TARGUL CARTII

http://www.targulcartii.ro/

4. PRINTRE CARTI

http://www.printrecarti.ro/

5. MAGAZINUL DE CARTE

http://www.magazinul-de-carte.ro/

6 ANTICARIAT PLUS

http://www.anticariatplus.ro/

7. DEPOZITUL DE CARTI 

http://www.calinblaga.ro/

8. CARTEA DE CITIT

http://www.carteadecitit.ro/

9. ANTICARIAT ON-LINE
http://www.carti-online.com/

10. ANTICARIATUL DE NOAPTE

 http://www.anticariatuldenoapte.ro/

11. ANTICARIATUL NOU

http://www.anticariatulnou.ro

12. ANTICARIAT NOU

https://anticariatnou.wordpress.com/

13. ANTICARIAT ALEPH

https://www.anticariataleph.ro/

14. ANTIKVARIUM.RO

http://antikvarium.ro

15.ANTIKVARIUS.RO

https://www.antikvarius.ro/

16. ANTICARIAT LOGOS

http://www.anticariat-logos.ro/

17. ANTICARIAT.NET

http://www.anticariat.net/informatii-contact.php

18. TIMBREE

www.timbree.ro

19. FILATELIE

 http://www.romaniastamps.com/

20 MAX

http://romanianstampnews.blogspot.com

21. STAMPWORLD

http://www.stampworld.com

22. LIBMAG

https://www.libmag.ro/oferta-carti-polirom/?utm_source=facebook-ads-7-99-polirom&utm_medium=banner-facebook&utm_campaign=7-99-polirom-facebook&utm_content=new-3

23. DAFFI'S BOOKS

https://www.daffisbooks.ro/

24. MAGIA MUNTELUI

http://magiamuntelui.blogspot.com

25. RAZVAN CODRESCU
http://razvan-codrescu.blogspot.ro/

26.RADIO ARHIVE

https://www.facebook.com/RadioArhive/

27.EDITURA UNIVERSITATII CUZA - IASI

http://www.editura.uaic.ro/produse/colectii/documenta/1

28. EDITURA ISTROS

https://www.muzeulbrailei.ro/editura-istros/

29 ORIZONTURI CULTURALE

http://www.orizonturiculturale.ro/ro_home.html

30. SA NU UITAM

http://sanuuitam.blogspot.ro/

31. MIRON MANEGA
http://www.certitudinea.o

32. NATIONAL GEOGRAPHIC ROMANIA

https://www.natgeo.ro/revista

33. KORUNK

http://ideakonyvter.ro/53-korunk

Insignă

Se încarcă...

Anunturi

Licenţa Creative Commons Această retea este pusă la dispoziţie sub Licenţa Atribuire-Necomercial-FărăModificări 3.0 România Creativ

Note

Erfolgsgeschichte Taunusbahn

Creat de altmariusclassic Sep 13, 2013 at 11:02am. Actualizat ultima dată de altmariusclassic Sep 13, 2013.

Schnell und Steiner

Creat de altmariusplus Iun 19, 2013 at 1:59pm. Actualizat ultima dată de altmariusplus Iun 19, 2013.

Grosse Kunstfuehrer zum Schnell &Steiner

Creat de altmariusclassic Dec 21, 2012 at 6:55pm. Actualizat ultima dată de altmariusclassic Dec 21, 2012.

Hermann Hesse -bucher

Creat de altmariusscience Nov 7, 2012 at 5:47pm. Actualizat ultima dată de altmariusscience Nov 7, 2012.

Grosse Kunstfuehrer zum Schnell & Steiner - 1

Creat de altmariusclassic Oct 8, 2012 at 7:52pm. Actualizat ultima dată de altmariusclassic Oct 8, 2012.

© 2020   Created by altmarius.   Oferit de

Embleme  |  Raportare eroare  |  Termeni de utilizare a serviciilor